Home Alunni Il primo rapporto a 17 anni: finita la sessualità precoce

Il primo rapporto a 17 anni: finita la sessualità precoce

CONDIVIDI
  • Credion

Sulla base della ricerca “Conoscenza e prevenzione del Papillomavirus e delle patologie sessualmente trasmesse tra i giovani in Italia”, realizzata dal Censis, e presentata al Senato, sembrerebbe che l’idea della sessualità precoce, tra i giovanissimi italiani, sia un mito ormai superato e si starebbe insinuando una nuovo modo di vedere e gestire i rapporti affettivi da parte dei teen-agers.

Infatti, secondo il rapporto presentato al Senato,  sembra che il primo rapporto sessuale completo lo hanno in media intorno ai 17 anni, mentre solo il 19,8% dichiara di averlo fatto prima dei 16 anni.

Icotea

 

{loadposition carta-docente}

 

Inoltre, rispetto agli anni passati, c’è un recupero del gap tra ragazzi e ragazze: l’età della ‘prima volta’ è infatti molto simile, ovvero di 17,5 anni per maschi e 17,3 per le femmine.

Quasi la totalità dei giovani italiani di 12-24 anni (il 93,8%) ha sentito parlare di infezioni e malattie sessualmente trasmesse. È l’Aids la patologia che viene maggiormente citata (89,6%), mentre solo il 23,1% indica la sifilide, il 18,2% la candida, il 15,6% il Papilloma Virus e percentuali tra il 15% e il 13% la gonorrea, le epatiti e l’herpes genitale. Resta centrale il ruolo dei media nell’informazione, utilizzato dal 62,3% del campione, seguito dalla scuola (53,8%).

Ma il ruolo di quest’ultima mostra differenze tra le diverse aree del Paese: è infatti più forte al Nord, rispetto che al e al Sud. Solo il 9,8% dei giovani si informa attraverso medici e farmacisti. “Resta molta diffidenza – spiega il presidente della Società Italiana di Endocrinologia – da parte dei giovani nei confronti dell’andrologo. Molti non lo conoscono, la maggior parte ritiene di non averne bisogno. Culturalmente non sono abituati a considerare la possibilità che anche i maschi possano essere interessati da patologie che riguardano il sesso. Dobbiamo sviluppare maggior informazione ed educazione”.