Home Didattica Il senso della valutazione in tempo di pandemia

Il senso della valutazione in tempo di pandemia

CONDIVIDI

Sebbene la maggior parte delle scuole in Italia sia finalmente tornata in presenza, ancora circa il 10% degli alunni trascorrerà il suo ultimo mese di scuola a distanza. Infatti secondo le stime di Tuttoscuola da lunedì 26 aprile, 7,6 milioni di alunni saranno in classe (circa il 90%), a fronte di una parte di ragazzi delle scuole superiori che finiranno l’anno con la mediazione di un pc. (VAI AL CORSO)

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook

Ricordiamo infatti che l’ultimo decreto Covid, firmato nella serata del 21 aprile,https://www.tecnicadellascuola.it/riapertura-scuola-dal-26-aprile-con-molte-polemiche-prostestano-anche-le-regioni-video ha stabilito che dal 26 aprile e fino alla fine dell’anno scolastico si torna in classe anche nelle scuole superiori (secondarie di secondo grado), ma con una presenza in zona rossa garantita dal 50% al 75%in zona gialla e arancione dal 70% al 100%.

Icotea

Il permanere della didattica a distanza nelle scuole del Paese pone diverse questioni relative alla valutazione degli alunni. Per dirne una, molti alunni si dicono preoccupati dal fatto che alcuni docenti non vogliano fare valere i voti conquistati in DaD, preferendo chiedere all’alunno di ripetere la verifica in presenza, sfruttando le turnazioni che gli istituti dovranno prevedere tra didattica in presenza e didattica a distanza.

Allora quali sono i temi in fatto di valutazione di cui un formatore oggi deve farsi carico?

Una lista di tematiche legate alla valutazione in tempo di pandemia

  • La Didattica a Distanza nella scuola primaria e nella secondaria di primo e di secondo grado: uno strumento per tutti o solo per gli alunni delle famiglie più abbienti? Quali competenze mettere in campo per rendere proficuo il lavoro didattico?
  • Il filo rosso che lega la didattica in presenza e la didattica a distanza: la sequenza logica e progressiva del progetto formativo per ciascun alunno
  • Indicazioni metodologiche e proposte di strumenti: es. il debate, la circle DaD, etc.
  • Il carico cognitivo: un problema da non sottovalutare, specialmente nei confronti dei bambini con Disturbi Specifici dell’Apprendimento. L’organizzazione del lavoro dei docenti.
  • La personalizzazione e l’inclusione: l’Universal Design di Ronald L. Mace
  • Riflessioni sull’organizzazione e sulla progettazione di percorsi formativi con la DDI, esempi e proposte di strumenti progettuali per i Consigli di classe e per i singoli docenti
  • La valutazione nella primaria e nella secondaria di primo e di secondo  grado: percorsi valutativi, giudizi, voti

Il corso

Su questi argomenti il corso Il senso della valutazione in tempo di pandemia, a cura di Piero Cattaneo e Anna Maria Di Falco, in programma dal 7 maggio.

LEGGI ANCHE