Home Politica scolastica Il sindacato a Giannini: 45 euro al mese di aumento sono briciole

Il sindacato a Giannini: 45 euro al mese di aumento sono briciole

CONDIVIDI

“E’ davvero assurdo continuare a nascondersi dietro l’introduzione della carta del professore: 45 euro in più al mese non sono altro che briciole rispetto a quello che gli insegnanti dovrebbero ricevere”. Non le manda a dire Giuseppe Mascolo, segretario generale dell’Ugl Scuola, al ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, che al Messaggero TV ha detto: “I tempi sono avari, ma bisognerà aprire una riflessione per l’intero pubblico impiego. Noi però – ha spiegato il ministro – qualcosa abbiamo fatto: da settembre tutti gli insegnanti riceveranno 45 euro netti in più, che equivalgono a una contrattazione sindacale ben riuscita”.

“Il governo – replica il sindacalista – continua ad attribuirsi il merito di aver stanziato risorse per la scuola, ma in verità non sono aggiuntive perché si tratta dei soldi sottratti ai lavoratori a causa del mancato rinnovo del contratto. Senza dimenticare – sottolinea Mascolo – che la riforma non affronta adeguatamente la problematica dell’organico, ridotto anche per il prossimo anno scolastico”.

Icotea

 

{loadposition eb-pof}

 

Per il rappresentante Ugl, “il Governo dovrebbe almeno avere il buon senso di smetterla di vantarsi delle immissioni in ruolo, e ammettere finalmente di essere stato obbligato dalle sentenze della Corte Europea a stabilizzare i precari. Continuare a ripetere che andrà tutto bene è mentire a se stessi e al Paese: questa riforma danneggia la scuola e offende le professionalità che vi operano, a danno di studenti e famiglie. Per questo la nostra battaglia continuerà sul territorio e sui posti di lavoro”.

 

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola

 

Il testo integrale della riforma, LEGGE 13 luglio 2015, n. 107