Home Politica scolastica In origine erano 148mila assunzioni… alla fine a settembre saranno solo 40mila!

In origine erano 148mila assunzioni… alla fine a settembre saranno solo 40mila!

CONDIVIDI

“Prima di tutto avevate promesso 148mila(!) posti di lavoro, poi 100mila al 1° di settembre, ma non è vero. E’ una bugia. Ci saranno 40mila assunzioni al 1° di settembre, questa è la verità”. Con queste parole l’on. Silvia Chimienti (M5S) interviene in Aula alla Camera, smascherando un’altra di quelle che, a suo dire, sono le tante bugie del Pd.

E’ stato un intervento senza mezzi termini quello della ‘pentastellata’, che esordisce così: “Molto singolare che l’on. Malpezzi sia andata in piazza a protestare nel 2008 contro la riforma Gelmini e ora sta qui, in questo consesso, a raccontare bugie agli italiani con una tale disinvoltura”.

Icotea

Bugie a proposito di cosa? Ma naturalmente delle assunzioni: “Prima di tutto avevate promesso 148mila assunzioni, non una di meno (!) al primo di settembre, che poi sono diventate 100.000 e lo state ripetendo anche in quest’Aula. Ma non è vero, sono 40mila circa al primo di settembre, tutti gli altri contratti sono contratti virtuali, con decorrenza giuridica dal primo di settembre, e quindi assunzioni che verranno fatte nei prossimi anni”.

 

{loadposition eb-clil-tutti}

 

Ma ancora bugie, sottolinea la Chimienti, vengono dette a proposito dei 4 miliardi stanziati per la Buona scuola: “Ma dove sono questi 4 miliardi? Ne avete messo uno sulla scuola, nella legge di Stabilità, e ne avete tagliati al comparto Scuola Università e ricerca 1,4. Dove sono gli altri tre? Per favore, va bene tutto, ma non la propaganda in quest’Aula.”

Chiude così, con grande amarezza la deputata. Che cifre astronomiche. 4 miliardi. 150mila assunzioni. Dilazionate in 1, 2,3, 4 fasi, precedute dalla fase 0. Speriamo che non si perdano per strada. E che non abbiano un alto prezzo. Altro che sentenza di Strasburgo e immissione di tutti i precari presenti nelle Gae….

 

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola