Home Estero In Tanzania salvate più di 2mila ragazze dalla mutilazione genitale

In Tanzania salvate più di 2mila ragazze dalla mutilazione genitale

CONDIVIDI
webaccademia 2020

In Tanzania c’è una mappa che dal 2015 sta salvando molte ragazze dalla Female Genital Cutting, la mutilazione genitale femminile.

A Mugumu, nel nord del Paese, oltre 2mila volontari, grazie a una piattaforma “aperta” che permette a chiunque di costruire e aggiornare mappe, e a un progetto che ha portato avanti la mappatura di 649 villaggi, 1 milione e mezzo di case, 105mila chilometri di strade, 348 ospedali e 1240 scuole appartenenti alle zone meno ricche del Paese e quindi più soggette alla pratica della FGC, sono state salvate 2.257 ragazze

Nell’ultimo anno 1076 ragazze hanno subito questo forma di tortura. Numeri in calo (3700 sono stati i casi registrati nel 2016)  ma ancora troppo alti. Senza tener conto che 4 di loro sono morte.

ICOTEA_19_dentro articolo

 

{loadposition carta-docente}

   

LA FGC può provocare infertilità, infezioni e la morte. Per questo è vietata per legge, anche in Tanzania, ma molte tribù hanno continuato a praticarla perché considerano l’operazione un necessario rito di passaggio prima del matrimonio. Circa il 15% delle donne tra i 15 e i 49 anni, in Tanzania, hanno subito questa mutilazione. 

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese