Home Attualità In un istituto di Rimini vietati jeans strappati e infradito

In un istituto di Rimini vietati jeans strappati e infradito

CONDIVIDI

Inizia l’anno scolastico e non mancano già i primi provvedimenti “particolari”. A Rimini, all’Istituto Tecnico Industriale “Leonardo da Vinci-Belluzzi” c’è già una prima novità di rilievo. Non riguarda la didattica, ma il comportamento da tenere durante le lezioni.

Via libera, infatti, al nuovo regolamento che prevede sanzioni disciplinari per chi si presenta a scuola vestito in maniera non consona all’ambiente. Sono vietati i pantaloni corti, jeans strappati e magliette strappate, canottiere, cappellini, sandali e infradito.

Icotea

Nel nuovo regolamento approvato si prevede una nota o un richiamo scritto dopo tre infrazioni, per chi andrà a scuola in un abbigliamento non consono all’ambiente.

Una norma che già sta facendo storcere il naso a qualche genitore. Il regolamento non tratta solo l’abbigliamento, ma anche comportamenti più gravi come gli atti vandalici, la falsificazione di firme, gli insulti e gli atteggiamenti aggressivi contro gli altri studenti e il personale di scuola.

Le sanzioni sono previste anche previste anche per la diffusione di immagini e conversazioni con dati personali altrui non autorizzate.