Home I lettori ci scrivono Invalsi scopre la dispersione implicita, quasi fosse la particella di Dio

Invalsi scopre la dispersione implicita, quasi fosse la particella di Dio

CONDIVIDI
  • Credion

Notizia clamorosa e preoccupante ci giunge dall’Invalsi (l’ente giudicato superfluo e contestato da alcuni o molti per le sue prove a test o quiz).

L’invalsi stesso ha individuato o scoperto la prova dell’esistenza della “dispersione implicita”, che si affianca alla nota dispersione tout court che ora diventa “dispersione esplicita” (alias abbandono scolastico).

Icotea

Quasi si trattasse di risultato scientifico simile o pari al bosone di Higgs (per gli amici: particella di Dio), la notizia viene diffusa con l’editoriale di ottobre 2019, dove possiamo testualmente leggere “I dati INVALSI rendono osservabile un fenomeno piuttosto diffuso che spesso sfugge alle statistiche: la dispersione scolastica implicita.

Una quota non trascurabile di studenti che conseguono il diploma non raggiungono nemmeno lontanamente i livelli di competenza che ci si dovrebbe aspettare dopo tredici anni di scuola”.

L’editoriale viene giustamente e opportunamente ripreso, sintetizzato e diffuso da TS; anche la neo vice-ministra Anna Ascani attinge e ne parla nella sua “ ricetta per salvare la scuola” . Vedremo se il nuovo governo avrà modo e tempo per ridurre entrambe le dispersioni, quella esplicita e quella implicita.

Intanto qualche osservazione può essere utile per meglio inquadrare la questione.

Primo. La denominazione “dispersione implicita” appare impropria; meglio sarebbe “dispersione occultata” o “nascosta” perché questa dispersione è ben nota a tutto il mondo della scuola, cioè al binomio docenti-discenti e poi alla piramide organizzativa, burocratica, gerarchica dai presidi-ds in su fino al ministro, al governo, ai politici e ai sindacalisti rappresentativi e di base; ed è proprio il mondo della scuola che da decenni occulta e nega – in modi diversi è costretto a farlo oppure a indurre – questa dispersione letale e non vi provvede.

Il principale meccanismo che ha innescato e accresciuto questa situazione – ormai endemica – è l’abuso del voto di consiglio. Un possibile rimedio potrebbe perciò essere l’abolizione del voto di consiglio, lasciando inalterati i voti (anche se insufficienti) delle singole materie, unita all’abolizione della bocciatura: chi vuole comunque frequentare l’anno successivo lo faccia pure ma essendo cosciente che parte con alcune insufficienze. (L’ idea non è nuova e non è solo mia).

Secondo. Questa dispersione occultata (o implicita) che Invalsi presenta e vanta come suo trofeo o successo perché “fenomeno piuttosto diffuso che spesso sfugge alle statistiche” (!), e che il mondo della scuola ben conosce e però custodisce, in realtà è stata già individuata, da almeno un decennio, non con i metodi di indagine e analisi sofisticati (?) dell’Invalsi, ma con osservazioni semplici, ma anch’esse scientifiche e valide e con gli stessi risultati quantitativi.

Nella “lettera aperta al ministro Profumo”, scrivevo infatti: “se si ritiene applicabile la distribuzione o la curva di Gauss agli esiti degli esami espressi con un unico voto, si può rivelare un anomalo accumulo di voti pari al 6 per la terza media e di voti tra il 60 e il 64 per la maturità. Ciò potrebbe confermare che, un certo numero di esaminati non meritevoli di promozione è stato invece comunque promosso. Questo numero di promozioni agevolate può essere stimato intorno al 15-20%”.

E nella critica al decreto Giannini che aumentava il numero di “licei brevi” notavo: “diplomati quadriennali sicuramente meno preparati, formati e maturi degli attuali (v. nelle Università, i corsi di recupero di Italiano e Matematica per matricole).

Già adesso il rendimento della scuola superiore è insoddisfacente e pari al 50-55%, cioè di 100 iscritti al primo anno se ne diplomano nei 5 anni regolari solo 50 o 55; degli altri: circa 15 devono ripetere un anno o due, circa altri 15 vengono promossi con voto minimo, con un calcione, quasi un condono e i rimanenti 15 rinunciano, si disperdono”.

Vincenzo Pascuzzi