Home I lettori ci scrivono Ipotesi di “concerto” tra F.S. per le Tic e l’Animatore digitale

Ipotesi di “concerto” tra F.S. per le Tic e l’Animatore digitale

CONDIVIDI
  • Credion

Nel mio precedente intervento ho ipotizzato lo scenario di una coabitazione tra Figura Strumentale per le Tic e l’Animatore digitale. Soluzione temporanea, in attesa di avere un team più allargato (Animatore Digitale per ogni plesso e conferma della presenza della F.S. per le Tic). Ora per fare cosa? Ecco la mia proposta. Considerato che secondo un’indagine Ipsos il 43% dei docenti incontra difficoltà nell’uso dei pc, affiderei alla F.S il compito di farsi promotore di un corso di prima alfabetizzazione con esami certificati  (Eipass o Ecdl). Riprendo un’interessante immagine di un mio collega che ipotizzava una progettualità caratterizzata da “voli acrobatici”.

Ora per arrivare a queste prestazioni “alte” occorre essere in grado di eseguire i fondamentali del volo. Fuori di metafora, per attuare i progetti del coding o di altro finalizzati a “trasformare l’aula in laboratorio” (PNSD) è necessario essere in grado di eseguire le procedure base di un sistema operativo, conoscere le procedure multiple per arrivare allo stesso obiettivo ed esprimersi in modo corretto… Senza questa scelta strategica, non si va da nessuna parte. Si procede a tentoni, ma in modo disordinato e disorganizzato.

Icotea

Questi obiettivi possono essere integrati anche da altri relativi ( gestita sempre dalla F.S ) all’uso consapevole del tablet , della Lim, intesa quest’ultima come hardware/software per ricercare selezionare, organizzare le informazioni in conoscenze.

Senza tralasciare la multimedialità come comprensione della grammatica di ogni linguaggio coinvolto. L’azione dell’Animatore digitale, invece, si rivolgerebbe ai docenti esperti, individuando soluzioni per la produzione di contenuti digitali, applicazioni per i diversi dispositivi, videogiochi didattici o non (coding), la robotica educativa… Tutto questo tenendo presente la necessità di coinvolgere le realtà territoriali. E non è poco.

C’è da “far tremare i polsi”, almeno che alcuni di questi compiti non siano fin dall’inizio condivisi con la F.S. Mi auguro che le Istituzioni scolastiche diano l’incarico ad un altro docente diverso da quello che ricopre la F. Strumentale per le Tic. Diversamente avremo molte rinunce per “ overdose di compiti”, incentivate anche dal profilo di lavoro gratuito..