Home Attualità Ipotesi super zona rossa, lo scenario per la scuola

Ipotesi super zona rossa, lo scenario per la scuola

CONDIVIDI
  • GUERINI

La cabina di regia guidata da Brusaferro e Locatelli valuterà nuove eventuali misure di contenimento che potrebbero essere varate già prima del prossimo weekend. In ballo l’ipotesi della super zona rossa, che potrebbe riguardare molte aree del Paese e comportare anche un coprifuoco anticipato alle 21.

I dati Covid di ieri in Italia parlano di 20.765 contagi e 207 morti, con un indice di positività a 7,6%. “C’è una risalita del contagio, i numeri e vari indicatori ce lo dicono chiaramente”, ha evidenziato il professor Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità.

Icotea

Sull’argomento si esprime anche Andrea Crisanti, direttore del laboratorio di microbiologia dell’Azienda ospedaliera di Padova. Lockdown nazionale? “Bisognerebbe farlo una volta per tutte, ma la gente è stufa, non ci crede più”.

Super zona rossa e scuola

Sulla scuola cosa comporterà la super zona rossa? L’accompagnamento della DaD a ulteriori misure restrittive attorno alla scuola. Insomma, passerebbe l’idea che se la scuola chiude o se comunque porta in didattica a distanza la maggior parte della popolazione studentesca, allora anche fuori dalla scuola i ragazzi dovranno essere controllati; e le attività in generale (con tutta la movimentazione di gente che esse comportano) dovranno subire delle restrizioni. Lo scenario in campo è quello della chiusura dei negozi laddove si va in DaD.

Intanto la zona rossa è già attiva in Campania, Molise e Basilicata, mentre Friuli Venezia Giulia e Veneto sono finite in zona arancione.

Tutte le fasce di colore del Paese

Complessivamente, la ripartizione delle Regioni e Province Autonome nelle diverse aree in base ai livelli di rischio a partire dall’8 marzo 2021, secondo le ORDINANZE DEL MINISTRO SPERANZA, è la seguente:

  • area gialla: Calabria, Lazio, Liguria, Puglia, Sicilia, Valle d’Aosta
  • area arancione: Abruzzo, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Marche, Piemonte, Toscana, Provincia Autonoma di Bolzano, Provincia autonoma di Trento, Umbria, Veneto
  • area rossa: Basilicata, Campania, Molise
  • area bianca: Sardegna

LEGGI ANCHE