Home I lettori ci scrivono ITP sotto attacco dei laureati

ITP sotto attacco dei laureati

CONDIVIDI

Lo scrivente si rende protagonista, alla difesa di una categoria di docenti, o meglio ITP, da come si può ben notare dagli ultimi articoli postati da note testate giornalistiche, è ormai noto e palese, l’attacco che la categoria di Insegnanti Tecnico Pratici sta subendo da parte dei Laureati “Rivali” di III fascia non abilitati.

Addirittura, nella Provincia di Pistoia, da come si evince da un articolo pubblicato in data 26 giugno 2018, i Laureati di III fascia senz’alcun titolo , chiedono che vengano bloccate le assegnazioni di supplenze sul sostegno, ai diplomati ITP, che ricordo essere nomine di carattere annuali, o meglio in organico di fatto, assegnati con il criterio delle graduatorie incrociate, a personale non specializzato sul sostegno.

La figura ITP, oramai nota a tutti come Insegnanti di Laboratorio, autorizzate a insegnare materie tecniche all’interno di Istituti Professionali e tecnici, sta facendo scalpore.
Vorrei ricordare a tutti, che l’inserimento in Seconda fascia delle graduatorie d’istituto, è avvenuta tramite contenziosi vinti al Tar Lazio Sezione terza Bis,(sentenza 9234/2017) che riconosce agli ITP, la mancata attivazione di percorsi abilitanti ordinari, e per tale rimanda il compito all’amministrazione di verificare caso per caso, per cui il docente abbia presentato istanza d’inserimento in graduatoria, e che sia in possesso del titolo rientrante nella tabella B. D.P.R 19/2016.

ICOTEA_19_dentro articolo

Successivamente il TAR, ha accolto numerose sentenze e numerose ordinanze, proprio per i motivi sopra descritti.
Voglio ricordare a tutti i lettori, che i Diplomati ITP, non hanno avuto alcuna possibilità di poter conseguire una qualsivoglia abilitazione, e che di percorsi abilitanti ne sono stati attivati soltanto due, l’ultimo nel 2014, e chiedeva un minimo di tre anni di servizio, (famoso Percorso abilitante speciale), capirete benissimo che è una chiara discriminazione, in un paese dove vige democrazia, e che dovrebbe garantire le pari opportunità, quanto meno le giuste alternative.
Ritengo che la protesta dei laureati sia , del tutto infondata, in quanto i Laureati hanno avuto possibilità reale di potersi abilitare, dal lontano 2008 ultimo anno utile per poter accedere alla SISS, e successivamente sono stati attivati due cicli di TFA, nel 2011 e nel 2014.

Gli ITP, possono ad oggi considerarsi, discriminati su tutti i fronti, attendiamo con ansia il 5 Luglio, la pronuncia del consiglio di stato.

Giovanni D’Auria