Home I lettori ci scrivono L’8 marzo chiudiamo le scuole!

L’8 marzo chiudiamo le scuole!

CONDIVIDI
  • GUERINI

La scuola scende in piazza l’otto marzo in tutte le più importanti città d’Italia, per una grande giornata di lotta!

L’8 marzo tantissime scuole chiuse e appuntamento in piazza per le manifestazioni organizzate da SGB nelle maggiori città d’Italia, per rivendicare migliori condizioni di lavoro e per sostenere lo sciopero globale della donna, lanciato dal movimento “Non una di meno”.

Icotea

Il Sindacato Generale di Base SGB ha convocato sciopero generale di tutte le categorie di tutte le lavoratrici e i lavoratori l’8 marzo per supportare la rivendicazione globale tutta al femminile, promossa dal movimento Non una di meno contro la violenza della donna a 360 gradi, in tutti i settori e in tutti i paesi del mondo.

Le donne sono, senza dubbio, fra tutte le categorie, le più discriminate sui posti di lavoro; le prime a subire gli abusi di chi è al potere: dalla molestia al compromesso per esercitare il diritto alla maternità, pagando con minor salario, minore avanzamento di carriera, minori pretese in generale e in molti casi anche con lo stesso posto di lavoro.

Nella scuola le donne costituiscono l’80% dei lavoratori e non a caso, sulla scuola, da un bel po’ di anni, si sono abbattute svariate riforme che hanno portato a condizioni di lavoro sempre più precarie con contratti bloccati da 8 anni e mobilità forzate, con l’applicazione della legge 107 che trasforma la scuola in azienda e i Dirigenti Scolastici in Presidi Manager con i quali doversi mostrare “flessibili” per garantirsi il posto.

Rifiutiamo la violenza degli ultimi 8 schiaffi dell’applicazione delle DELEGHE che portano a compimento il disegno di legge della “Buona scuola” che non hanno nessun contenuto migliorativo, ma solo quello di ridurre indiscriminatamente la spesa pubblica (si risparmia persino sul diritto allo studio dei disabili!) e privatizzare ulteriormente l’istruzione.

Scendiamo in piazza per dare un forte segnale al governo e dire che lavoratrici e lavoratori della scuola chiedono aumenti salariali veri, non le briciole contenute nel preaccordo del 30 novembre, a dir poco scandalose considerati i 20 miliardi stanziati per risanare le banche.

SGB sostiene le lotte per la tutela dei diritti di tutte le lavoratrici della scuola, che hanno un ruolo importantissimo e determinante nella costruzione di un’educazione nel rispetto di tutti i generi e nel ripudio totale della violenza.