Home Alunni L’educazione morale di non copiare a scuola

L’educazione morale di non copiare a scuola

CONDIVIDI

In un articolo de Il Messaggero si scrive: “L’aver copiato la prova scritta comporterà una penalizzazione nel giudizio per tutta la vita accademica dell’alunno”.

ll governo cinese, infatti, ha deciso di avviare una nuova campagna di “educazione morale” degli studenti e ha stabilito che chiunque sia colto in flagranza a copiare il compito pagherà la sua debolezza con una segnalazione di scorrettezza permanente nel fascicolo scolastico. 
In Italia non solo l’azione del copiare non viene punita in modo adeguato, ma viene addirittura sollecitata dai media. 
Ad esempio sul sito Studenti.it si scrive. “Si dice che copiare sia un’arte; effettivamente un po’ è così, nel senso che ci sono studenti che anche in condizioni assurde riescono perfettamente a fregare il professore.Ad ogni modo essere bravi a copiare non basta: è infatti necessario conoscere anche le tecniche, sia quelle basilari che quelle più complesse!”. 
O ancora ci si può imbattere in un articolo che evidenzia ben 28 metodi per copiare: “Come Copiare Durante un Compito in Classe Utilizzando il Materiale Scolastico.
Infine il sito ScuolaZoo in cui si scrive: “Come copiare a scuola? Qui troverai metodi per copiare in classe in maniera infallibile e tantissimi trucchi per copiare a scuola con i bigliettini e altre ingegnosissime tecniche antisgamo!” 
Si potrebbe dire Paese che vai, usanza che trovi.

Icotea