Home Generale “La benedizione la faremo attorno alla scuola”

“La benedizione la faremo attorno alla scuola”

CONDIVIDI

L’arcidiocesi di Bologna, guidata da monsignor Matteo Zuppi, commentando la sentenza del Tar dell’Emilia-Romagna, che ha annullato la delibera con cui il consiglio d’istituto aveva autorizzato le benedizioni a scuola, ha detto: “La pronuncia desta stupore e amarezza; il merito non appare condivisibile. Infatti, quel gesto di pace che è la benedizione pasquale non è stato allora imposto a nessuno, ma fu conseguente a una adesione libera e volontaria e avvenne in orario extrascolastico, nel pieno rispetto della normativa vigente. Escludere la dimensione religiosa dalla scuola e pensare di ridurla ad una sfera meramente individuale – secondo l’arcidiocesi – non contribuisce alla affermazione di una laicità correttamente intesa”.

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

Icotea

{loadposition bonus}

Più decisa invece la reazione della preside, Daniela Turci, che ha proposto la benedizione attorno alla scuola alle famiglie “per far sentire come siamo esclusi: fuori c’è spazio e non c’è bisogno di un voto del consiglio di istituto”.

La scuola è un istituto comprensivo i Bologna, che comprende due elementari e una media: “Penso che si possa fare un ricorso. Aspettiamo l’avvocatura di Stato. La decisione va rispettata e quindi non ci saranno benedizioni in aula, ma le faremo fuori”.

Il Consiglio di Stato “dice che le benedizioni si possono fare su base volontaria e fuori dall’orario scolastico, con l’approvazione del consiglio di istituto, come abbiamo fatto noi. Ma pare che la sentenza non tenga conto della decisione del Consiglio di Stato e ci inviti a non rispettare la legge o a rispettare una legge che non conosco”.