Home Politica scolastica La Buona Scuola non risolve i problemi del sostegno ai disabili

La Buona Scuola non risolve i problemi del sostegno ai disabili

CONDIVIDI
webaccademia 2020

“L’anno scolastico è iniziato ma già rileviamo ritardi nella nomina delle supplenze per i docenti di sostegno”: lo denuncia la Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap.

Quelle di Vincenzo Falabella, presidente Fish, sono parole forti: il disservizio è tale che comporterà inevitabili problemi sul fronte dell’inclusione “scolastica delle persone con disabilità”.

ICOTEA_19_dentro articolo

“Il numero degli insegnanti di sostegno attualmente in servizio presso la scuola pubblica è 115.000 (5.000 circa nelle scuole paritarie) che dovrebbe salire a 117.000. Un numero ritenuto sufficiente a coprire le esigenze di sostegno che riguardano circa 220.000 studenti con disabilità. Tuttavia – fa notare il presidente della Federazione – vi è una questione cronica: circa 35.000 di questi insegnanti non hanno mai svolto alcun percorso di formazione o di specializzazione. La questione non è tanto numerica, ma piuttosto di qualità dell’azione di sostegno che presuppone preparazione e professionalità che non si inventano”.

Di conseguenza, Fish chiede “l’attivazione e la strutturazione consolidata di percorsi di aggiornamento in particolare, come obbligatorio, per tutti i neo-assunti ma anche per i docenti già in servizio privi di specializzazione”.

 

{loadposition libro-bes}

 

“Un impegno – conclude il presidente della federazione dei disabili – su cui il Ministero dovrebbe diramare indicazioni perentorie: ne va della qualità scolastica sulla quale non possono essere ammesse eccezioni o dilazioni nel tempo”.

A denunciare i problemi irrisolti del sostegno è stata anche l’Anief. Secondo cui “la riforma della Buona Scuola non ha sanato il problema della mancanza di insegnanti di sostegno nelle scuole italiane: perché a fronte dei 120mila docenti necessari a mantenere il rapporto di un docente ogni due alunni ‘certificati’, continuiamo a stare fermi a circa 90mila insegnanti stabilizzati”.

“Anche quest’anno – prosegue il sindacato autonomo – gli altri posti saranno così coperti da supplenti, pur in presenza di oltre 12mila docenti specializzati con i corsi Tfa e di scienze della formazione primaria, lasciati a stagnare nelle graduatorie d’Istituto. Dando così il là alle denunce delle famiglie e delle scuole per mancanza di docenti, che tardano ad essere nominati pur in presenza di precise richieste di sostegno avanzate dalle commissioni mediche”.

 

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola

Preparazione concorso ordinario inglese