Home Ordinamento scolastico La crisi degli istituti tecnici

La crisi degli istituti tecnici

CONDIVIDI

Scriveva un umorista su La Sicilia di ieri che ai turchi sarebbe bastata Mariastella Gelmini per distruggere la scuola e non le epurazioni dei prof dopo il colpo di Stato. E forse non si sbagliava perché, come scrive Il Sussidiario, a sei anni dalla riforma Gelmini, entrata in vigore nel 2010-2011, se raddoppiano le iscrizioni i linguistici, crollano classico, scientifico e istituti tecnico-professionali, mentre fanno il boom i nuovi magistrali, i licei “light” con meno ore di latino e matematica.

 

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

Icotea

{loadposition bonus}

 

Gli istituti professionali in modo particolare, in sei anni hanno ceduti agli istituti concorrenti circa 23mila ragazzi letteralmente fuggiti: su tutti, i licei delle scienze umane (i “light”) presto non solo supereranno i classici, ma faranno incetta di moltissime iscrizioni a tecnici o professionali. I licei scientifico e classico calano leggermente, ma appunto salgono enormemente le altre 4 forme previste dalla nuova riforma.

La tendenza a evitare le discipline più difficili, sarebbe il motivo di tanto stravolgimento, scelta che non sempre alla lunga premia. La manualità, la propensione alla tecnica e lo studio professionale è stato messo in crisi ma più che altro per formazione antiquata e pochissimo incontro con il mondo reale delle aziende e non  perché l’educazione “tecnica” è fallimentare.