Home Generale La lingua italiana sia inserita in Costituzione

La lingua italiana sia inserita in Costituzione

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli, primo firmatario di due proposte di legge di tutela della lingua italiana: una costituzionale e l’altra ordinaria che prevede  l’obbligo dell’utilizzo della lingua italiana nelle pubblica amministrazione e in Rai, e il divieto di utilizzo di lingue straniere anche nelle leggi, ha dichiarato: “L’interesse annunciato dal presidente dell’Accademia della Crusca Claudio Marazzini all’ipotesi di inserire la lingua italiana in Costituzione è un segnale decisivo. È una battaglia che stiamo sostenendo da molti anni e anche in questa legislatura ho presentato una proposta di legge costituzionale in tal senso. Purtroppo, nonostante la lingua italiana sia un patrimonio culturale e identitario studiato e amato in tutto il mondo, non si fa abbastanza affinché sia valorizzata fino in fondo”.

Dialogo con la Crusca

“Tra inglesismi, barbarismi, forestierismi, l’italiano è continuamente violato nei media, nella scuola, nella Pubblica Amministrazione, nelle istituzioni e addirittura in Rai. Sarà un piacere e un onore aprire un dialogo con l’Accademia della Crusca allo scopo di interagire per introdurre la lingua italiana in Costituzione”.

Preparazione concorso ordinario inglese