Home I lettori ci scrivono La mia risposta a Renzi in 8 punti

La mia risposta a Renzi in 8 punti

CONDIVIDI
  • Credion

Senta Renzi, lei è improbabile come insegnante (nel video), ridicolo e bugiardo come comunicatore (nella lettera) e dannoso come politico (non eletto).

Ogni sua patetica mossa conferma quanto poco sia credibile il suo operato.

Visto che lei e i suoi “qualificatissimi” tirapiedi (v. Faraone), dite di non capire cosa vogliano da voi i docenti, vi spiego in 8 semplici punti cosa dovete fare:

Icotea

 

1) RINNOVATE IL CONTRATTO DELLA SCUOLA VERGOGNOSAMENTE SCADUTO DA 6 ANNI e sbloccate gli umilianti stipendi dei docenti tenendo conto del costo della vita;

 

2) abolite la controriforma della Gelmini e la chiamata diretta dei presidi ideata dalla Aprea, che apre la scuola al clientelismo tipico del mondo politico;

 

3) ASSUMETE TUTTI I PRECARI storici con un piano pluriennale, senza fare distinzioni, scegliendoli DA GRADUATORIE DI MERITO e non da albi in cui l’unico criterio è l’ordine alfabetico;

 

4) abbassate il numero di allievi per classe: max 25;

 

5) non date un solo centesimo alle scuole private ma aiutate le famiglie che nella scuola pubblica non ce la fanno nemmeno a pagare il contributo “volontario”;

 

6) riconoscete tutto il lavoro extra-curriculare che i docenti svolgono;

 

7) mandate i docenti in pensione dopo 35 anni di servizio anche per permettere ai giovani di entrare nel mondo della scuola.

 

8) rispettate la categoria docente che, al contrario di quanto avviene nella politica, è stata selezionata per merito cioè concorsi, Ssis, Tfa, Pas e decenni di insegnamento sul campo in scuole di ogni ordine e grado.

 

Nell’attesa che lei e il suo dittatoriale governo, chiuso ad ogni dialogo, cadiate inesorabilmente e con la speranza di incontrarla di nuovo per dirglielo in faccia, Le porgo indistinti saluti.