Home Estero La ministra dell’Istruzione svedese costretta a dimettersi: guidava ubriaca

La ministra dell’Istruzione svedese costretta a dimettersi: guidava ubriaca

CONDIVIDI
  • Credion

I governanti dell’Istruzione pubblica di un Paese hanno una responsabilità enorme: non possono commettere scivoloni, debbono dare l’esempio.

Non è andata così per la ministra dell’istruzione svedese, Aida Hadzialic, fermata giovedì scorso a Malmo alla guida della sua auto in stato di ebbrezza.

Icotea

Poche ore dopo, la ministra, travolta dalle critiche, è stata costretta a rassegnare le dimissioni,  due anni dal suo insediamento come responsabile dell’Istruzione svedese.

A “tradirla”, probabilmente, è stata anche la giovane età: Hadzialic, 29 anni, musulmana nata in Bosnia-Herzegovina, giunta in Svezia all’età di cinque anni, aveva un tasso alcolemico di 0,2, che in Svezia costituisce il limite per chi guida, e rischia fino a sei anni di carcere.

Presentando le dimissioni al premier Stefan Lofven, la ministra ha detto di aver fatto “il più grande sbaglio della mia vita”: uno sbaglio che non dimenticherà mai.

 

{loadposition eb-scuola-soc-multic}

 

 

{loadposition facebook}