Home Estero La musica pop e rap induce alla perversione: 10 anni e frustate...

La musica pop e rap induce alla perversione: 10 anni e frustate a un cantante di “strada” iraniano

CONDIVIDI

La musica pop e rap può essere considerata deviante per l’animo giovanile? In Iran sì. Non solo per gli integralisti religiosi, ma anche per i giudici.

È accaduto che un cantante di “strada”, Amir Tatallu, lo scorso settembre si è esibito nella metropolitana di Teheran con musiche pop e rap: ebbene, alcuni passanti lo hanno querelato. Subito dopo, è stato arrestato e momentaneamente scarcerato alla fine di ottobre, dopo essersi scusato con il tribunale. Ma pra dovrà tornare in carcere per scontare una pena durissima.

Icotea

Perché, nel frattempo, è stato condannato a 10 anni di reclusione e a 74 frustate, scrive l’Ansa dopo averla ripresa dall’Isna, con l’accusa di “incoraggiare i giovani alla corruzione e alla perversione” e per aver “insultato il giudice”.

La notizia, che per la cultura occidentale ha dell’incredibile, è stata riportata dal procuratore di Teheran, Abbas Jafari Dolatabadi: “preso atto che uno dei querelanti ha ritirato la denuncia – ha detto Dolatabadi – la metà del periodo di reclusione è stato sospeso”. Alla fine, al povero Tatallu è andata pure bene e gli toccherà pure ringraziare per lo “sconto” di pena.

{loadposition eb-bes-berretta}

 

 

{loadposition facebook}