Home Archivio storico 1998-2013 Generico “La scuola che vorrei”

“La scuola che vorrei”

CONDIVIDI
  • Credion

A Carpi, in provincia di Modena, nell’ambito del progetto "La parola a Martino, Laura e Halim",  nove sezioni di scuola d’infanzia e quattordici classi di scuola elementare hanno lavorato in gruppo sulle emozioni, sui bisogni, sui desideri, imparando a riconoscerli e ad esprimerli. I bambini hanno parlato della scuola del passato con i nonni, sollecitando i loro ricordi, hanno ragionato sulla scuola del presente insieme agli insegnanti, usando la propria sensibilità e il proprio modo di interpretare la realtà, hanno interrogato se stessi su come vorrebbero la scuola del futuro, lanciando un messaggio agli adulti.
La sintesi di questo percorso ha dato origine alla mostra-concorso "La scuola che vorrei", dove espongono le scuole dell’infanzia "Acquerello", "Albertario", "Andersen", "Cibeno-Cortile", "Mamma Nina", "Neri", "Pascoli", "Zigo Zago" nonché le scuole elementari "Collodi", "Leonardo Da Vinci", "Don Milani", "Gasparotto", "Giotto", "Pertini", "Saltini".
La mostra può essere visitata tra le ore 16 e le 19 (al mattino su richiesta) presso la Sala dei Cervi di Palazzo dei Pio, a Carpi, nei giorni di giovedì, sabato, domenica e lunedì 2 giugno. Per domenica 25 maggio, alle ore 16, è prevista una premiazione nell’ambito della manifestazione "Una città da giocare".

Il progetto, promosso da Scuola Futura, ha ottenuto il patrocinio del Comune e dei Centri Sociali Anziani di Carpi, dell’Irre Emilia Romagna e della Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi.