Home I lettori ci scrivono La scuola e il sostegno

La scuola e il sostegno

CONDIVIDI
webaccademia 2020
Un par de ggiorni fa
So ito dar diriggente della scola
Pe’ faje presente che in classe mia
C’avevo quarche problemuccio.
 
“Mi dica”, m’ha detto,
E io j’ho detto:
“C’ho ‘n par de regazzini,
Slavi e filippini,
Ch’avrebbero bbisogno
De ‘n sostegno sostanzioso.
 
So’ tanto diliggenti
Allegri e divertenti,
Ma del lessico italiano
Nun sanno ‘n accidenti.
 
Er capo m’ha guardato
Co’ lo sguardo stralunato
Poi ha fatto ‘n ber respiro
E s’è tutto illuminato,
 
M’ha fissato drento l’occhi
Mettenno ‘n mostra la dentiera
Poi m’ha dato sulle spalle
‘N par de pacche e,
Co’ aria austera,
Aggiustannose la crignera,
Ha proferito ‘ste parole:
 
“Maestro caro, la capisco,
Nella scola ar giorno d’oggi
Ce sò ‘n mare de probblemi
E a vorte c’ho
La senzazzione
De sta’ ‘n barca
Senza vela e senza remi.
 
Detto questo, però,
Me dicheno che lei
C’ha trent’anni de carriera
E io penzo, anzi no
So’ propio certo,
Che c’ha la competenza
Pe accomodà ‘sta situazzione.
 
Se nun trova er tempo a scola
P’aiutà ‘sti regazzini
Se li porti a casa sua
Due tre vorte a settimana.
Nun ce vole mica tanto
Pe’ capi’ chi c’ho davanti:
Lei me manda alla memoria
Er maestro Rossi Doria.”
 
Dopo tutta ‘sta lusinga
So’ rimasto senza fiato
E davanti ar diriggente
Me sembravo imbambolato.
Come ‘n orso a primavera
Me so’ poi risvejato,
E co’ la mano arzata
L’ho alla fine salutato.
 
So’ tornato piano piano
In classe mia
Facenno ‘na rampa de scale,
E più salivo e più penzavo
Che più che lodato
Avrei fatto mejo a sentimme
Cojonato.

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese