Home Archivio storico 1998-2013 Generico Le energie pulite nel Doodle di Google

Le energie pulite nel Doodle di Google

CONDIVIDI
  • Credion

Per festeggiare degli avvenimenti speciali, Google cambia il logo tradizionale, sostituendolo con uno attinente all’evento. E il logo diventa un Doodle, cioè un logo di Google personalizzato. La scuola Primaria Borgo Rosselli di Porto Sangiorgio, nelle Marche, ha vinto il concorso artistico di un Doodle per Google “L’Italia tra 150 anni”. Le sei lettere dell’opera vincitrice raffigurano le “energie pulite”, dall’acqua potabile al riciclo di rifiuti, dall’energia eolica a quella solare. Per gli artisti in erba, dunque, sono proprio le energie rinnovabili ad essere alla base del futuro e del benessere del Paese ma anche del mondo.

 
Il Doodle di Google, apparso online per tutta la giornata del 30 settembre, mostra, come spiegano gli organizzatori dell’iniziativa, “un’Italia all’insegna della eco-sostenibilità, capace di valorizzare e di fare tesoro delle fonti di energia pulite e rinnovabili; che mette al bando sprechi e forme di inquinamento, per riconquistare quanto di più bello caratterizza il proprio paesaggio”.
Al secondo e terzo posto invece si sono classificati, rispettivamente, gli studenti dell’Istituto Comprensivo “A. Gramsci” di Aprilia con il Doodle “W i nuovi simboli” e il Liceo artistico Statale “Petrocchi di Pistoia con “Mister One”
Un grande concorso quello bandito dal noto motore di ricerca. Tutti gli studenti delle scuole italiane, primarie e secondarie di primo e secondo grado, hanno dunque avuto la possibilità di cimentarsi nel progetto. Arte, storia e inventiva sono stati gli elementi basilari del concorso che ha coinvolto circa cinque mila istituti scolastici. I trenta Doodle finalisti sono stati accuratamente selezionati da una giuria composta da Lorenzo Jovanotti, Dario Vergassola, Giovanni Minoli, Anna Mattirolo, direttrice del Maxxi Arte di Roma, e da un rappresentante del Ministero per l’Istruzione, l’Università e la Ricerca.