Home I lettori ci scrivono Le mie riflessioni da una biblioteca scolastica dove sono stata confinata

Le mie riflessioni da una biblioteca scolastica dove sono stata confinata

CONDIVIDI

Spett. Redazione,

insegnante di francese rientrata il primo di aprile con demansionamento e un orario di 36 ore invece delle 18 previste, osservo con perplessità che i pareri dei giudici del lavoro e dei tribunali delle varie province d’Italia non offrono uniformità di giudizio su situazioni simili alla mia.

Icotea

Se la fine dello stato d’emergenza e dell’obbligo del Green Pass è stata decretata da tempo, essere ancora considerata non idonea all’insegnamento e diseducativa mi risulta alquanto assurdo per non dire ridicolo.

Confinata in una piccola biblioteca liceale dove non batte mai il sole, sono circondata da migliaia di libri e provo paradossalmente una sensazione di piacere nel costeggiare tanto ingegno umano e una di disagio nel vederlo rinchiuso su degli anonimi scaffali invece di espandersi all’esterno per ravvivare il lume della ragione, quello che consente interrogativi, dubbi e dibattiti e dare nuovo impulso alla fiamma del cuore che affianca ogni ragionamento con intuizione e buon senso.

Mentre chiudo i “Pensieri” di Pascal, che oggi mi hanno allietata, non mi rassegno e continuo la mia resistenza per la libertà di pensiero e di scelta, scrivendo queste poche e modeste parole affinché arrivino, oltre queste mura, il più lontano possibile.

Giulia Deon

iscriviti

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook