Home Archivio storico 1998-2013 Generico Le ribelli a Catania

Le ribelli a Catania

CONDIVIDI
  • Credion

Francesca Serio era la madre del sindacalista contadino Salvatore Carnevale, ucciso nel 1955. Felicia Impastato era madre di Peppino, celebre protagonista raccontato nei “Cento passi”. Saveria Antiochia era la madre del poliziotto Roberto, ucciso con il “suo” commissario Ninni Cassarà. Michela Buscemi aveva due fratelli mafiosi uccisi da Cosa Nostra. Donna coraggiosa anche lei, che si è costituita parte civile al maxiprocesso di Palermo. Rita Atria, sorella diciassettenne di Nicola, giovane boss dello spaccio, collaboratrice di Borsellino che si ammazza dopo la strage di via D’Amelio. Rita Borsellino, sorella del giudice Paolo, recentemente candidata al governo della Sicilia. Sono queste le sei “fotografie” che Nando Dalla Chiesa, scatta alle donne che hanno lottato contro la mafia nel suo libro “Le ribelli”

che sarà presentato a Catania l’8 marzo 2007.

Icotea

Info: 095/313511