Home Didattica Lezione frontale: gli studenti trascrivono il 90% delle informazioni scritte dal docente

Lezione frontale: gli studenti trascrivono il 90% delle informazioni scritte dal docente

CONDIVIDI

La più diffusa modalità di realizzazione della lezione frontale, quella per così dire classica o accademica è sommariamente definibile come una conferenza.

Non è però solo nella scuola che la lezione classica o “frontale”, come spesso è chiamata, viene attuata. La lezione frontale, ad esempio,  trova un ambiente fertile nei seminari aziendali. Si tratta in pratica di comunicazioni “ad una via”, le cui caratteristiche fondamentali sono:

  • Esposizione prevalentemente o od esclusivamente verbale, con scarso impiego di supporti visivi;
  • Esposizione continuata, fino alla conclusione del discorso, con spazio finale riservato alle domande di chiarimento dei partecipanti

La lezione frontale è intesa come la componente fondamentale della didattica tradizionale, in cui l’insegnante è in un certo senso “solo” di fronte alla classe e la trasmissione del contenuto didattico è tutta affidata alle sue conoscenze e alla sua capacità di farsi comprendere e di suscitare interesse.

ICOTEA_19_dentro articolo

Nelle nostre scuole la maggior preoccupazione didattica di molti docenti è il completamento del programma, minore enfasi viene invece posta su quanto sia significativo e stabile nella memoria ciò che gli studenti apprendono.

Nella lezione frontale tradizionale il docente fornisce informazioni e lo studente concentra il proprio sforzo soprattutto nel seguire la spiegazione e nel prendere appunti.

Molte ricerche smentiscono che la lezione frontale sia un modo efficiente di trasmettere informazioni in modo accurato. Secondo un documento CONFAO (Consorzio Nazionale per la Formazione, l’Aggiornamento e l’Orientamento)  di circa 5000 parole ascoltate in 50 minuti di lezione, gli studenti ne appuntano circa 500 e in media trascrivono circa il 90% delle informazioni scritte dal docente sulla lavagna.

La lezione tradizionale favorisce di più gli studenti maggiormente dotati. Anche gli studenti più dotati, però, hanno difficoltà a sostenere l’attenzione e l’interesse vivi per una intera ora o più.

Dopo circa 10 minuti, l’attenzione comincia a calare. Studi ci dicono che immediatamente dopo una lezione (di 50 minuti), gli studenti ricordano circa il 70% di quanto presentato nei primi 10 minuti, e il 20% del contenuto presentato negli ultimi 10 minuti.