Home Politica scolastica L’inusuale incontro di Salvini con i sindacati: “Legge di bilancio entro agosto”

L’inusuale incontro di Salvini con i sindacati: “Legge di bilancio entro agosto”

CONDIVIDI

“Vogliamo che la manovra economica sia molto anticipata, vogliamo definirne i punti tra luglio e agosto e vogliamo raccogliere i vostri suggerimenti”. 

Così il vicepremier Matteo Salvini aprendo il tavolo con le parti sociali al Viminale.

Salvini avrebbe anche detto che si tratta dell’inizio di un percorso, annunciando un secondo round tra una quindicina di giorni o comunque entro l’estate.

ICOTEA_19_dentro articolo

“E’ l’inizio di un percorso, non vogliamo sostituirci al presidente del Consiglio”, ha aggiunto.

“Il nostro obiettivo è la flat tax con un’unica deduzione fiscale che assorbirà tutte le detrazioni. Vogliamo portare al 15% l’aliquota fino a 55.000 euro di reddito familiare. Ci saranno benefici per 20 milioni di famiglie e 40 milioni di contribuenti. Ci sarà un grande impulso ai consumi e risparmi per 3.500 euro per una famiglia monoreddito con un figlio. C’è l’intenzione di portare nelle tasche 12-13 miliardi di euro”, ha affermato Armando Siri, illustrando la proposta della Lega sulla flat tax.

Presenti al tavolo diverse sigle, da Cgil, Cisl e Uil a Confindustria, da Confartigianato all’Abi, fino a Confedilizia, Legacoop, Confcooperative e l’Ania. Al fianco di Matteo Salvini c’è anche Armando Siri, ex sottosegretario leghista alle Infrastrutture costretto alle dimissioniperché indagato per corruzione.

Fanno parte della delegazione leghista anche Massimo Garavaglia, Massimo Bitonci, Claudio Durigon, Alberto Bagnai, Claudio Borghi, Dario Galli e Guido Guidesi.

Il premier Giuseppe Conte, però, secondo quanto segnala il Corriere della Sera, non sembra essere contento dell’incontro. La manovra economica ad ottobre verrà fatta e gestita e coordinata da Palazzo Chigi e dal Ministero dell’Economia, non certo dal ministero dell’Interno.

Su questo punto Conte è stato molto chiaro con il suo staff: Salvini può incontrare 40 e passa sigle sindacali, può assumere tutte le informazioni che vuole, ma non è attività istituzionale, li incontra come leader politico, viceversa avrebbe dovuto scegliere Palazzo Chigi come sede dell’incontro.