Home Generale L’Italia tra i primi Paesi per segnalazioni di attacchi fisici contro i...

L’Italia tra i primi Paesi per segnalazioni di attacchi fisici contro i giornalisti

CONDIVIDI
  • Credion

Secondo i dati pubblicati nel rapporto annuale preparato dalle 14 organizzazioni internazionali di giornalisti, incaricate dal Consiglio d’Europa di gestire la piattaforma su cui sono pubblicate le segnalazioni di attacchi alla stampa nei 47 Stati membri, l’Italia risulta tra le prime nazioni. Addirittura al secondo posto dopo la Russia, per il numero di segnalazioni su attacchi fisici contro i giornalisti nel 2020, seguita dalla Serbia e il Regno Unito.

“L’Italia è un caso specifico, perché in questo Paese c’è una correlazione tra il numero di casi di violenza e quelli di intimidazione nei confronti dei giornalisti”, afferma Gutierrez, segretario generale della federazione europea dei giornalisti, spiegando che per il Paese molte delle segnalazioni pubblicate arrivano dalla Federazione nazionale della stampa.

Icotea

“D’altro canto – aggiunge – noi non segnaliamo tutti i casi, perché è impossibile, e il messaggio alle associazioni nazionali è di concentrarsi sui casi più importanti”.

Le organizzazioni che gestiscono la piattaforma per la difesa della libertà di stampa del Consiglio d’Europa affermano inoltre che c’è una sottostima degli episodi di violenza ai giornalisti nei paesi del sud est membri dell’organizzazione.

Per l’Italia, sulle 11 segnalazioni pubblicate nel 2020, 6 riguardavano attacchi fisici contro giornalisti. 

In ogni caso, sembra che “Il numero di segnalazioni di attacchi fisici sui giornalisti negli Stati membri è raddoppiato tra il 2016 e il 2020, passando da 24 casi a 52″.

iscriviti

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook