Home Attualità Lo sponsor di pollo “fritto” sul libretto delle assenze

Lo sponsor di pollo “fritto” sul libretto delle assenze

CONDIVIDI
  • GUERINI

La Ministra dell’istruzione l’aveva per certi versi anticipato, ma anche altri politici l’avevano sollecitato, mentre già l’idea fu inoculata dalle ministre del centro destra all’opinione pubblica al tempo del loro incarico: “Vogliamo portare i privati nelle scuole; dare soldi freschi agli istituti; sollevare le famiglie dalle spese per l’istruzione”. Sono stati slogan che per anni si sono susseguiti ed ecco ora che il dado viene tratto e il Rubicone attraversato: un liceo scientifico di Verona ha piazzato, a pagamento, sull’ultima pagina del libretto delle assenze dei suoi studenti la pubblicità di uno snack di pollo prodotto da un’azienda locale: libretto con lo sponsor duqnue, per tutti i giorni di scuola e pure per tutte le comunicazioni con le famiglie; e chi si scordasse del cosciotto, la foto lo ricorda a grandi e piccini. 

Per il preside l’investimento pubblicitario sul libretto è una manna dal cielo, che ha permesso di diminuire la tassa dell’istituto a carico delle famiglie, passata da 180 a 150 euro. «L’operazione ha consentito di pagare la metà delle spese di stampa». Insomma: il risparmio ha avuto la meglio sull’ufficialità del documento, ma «Non c’è stata alcuna obiezione in consiglio d’istituto», rassicura il dirigente, che ammette: «Certo, mi sarebbe piaciuto pubblicizzare qualcosa di culturale ma si offriva questa possibilità e noi l’abbiamo colta, garantendo un risparmio alle famiglie».

Icotea

Per molti osservatori tuttavia , le sponsorizzazioni in classe sono il futuro della scuola, benchè occorre fare attenzione, e nel caso specifico del veneto, al paradosso che consiste nel fatto che, da un lato si lamenta la mancanza di educazione alimentare nelle scuole, dando così addosso a insegnanti, dirigenti, Miur, ma dall’altro si inviano i ragazzi a consumare pollo fritto, che è come sponsorizzare le scuole private in quelle pubbliche e magari con manigesti in tutte le aule.