Home Attualità M5S denuncia lo stato di privatizzazione della scuola pubblica

M5S denuncia lo stato di privatizzazione della scuola pubblica

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Arriva in Parlamento il caso di una presunta decisione illegittima che sarebbe stata presa dall’Istituto comprensivo Casier di Treviso.

A denunciare l’accaduto sono i Parlamentari del Movimento 5 Stelle, che ritengono illegittima l’iniziativa “Yamaha musica e scuola”, tenutasi presso la suddetta scuola, perché si è svolta in orario curriculare.

ICOTEA_19_dentro articolo

In partica, durante le ore di scuola curricolare al Casier si sono svolti dei concerti di chiusura del progetto Yamaha, consentendo a una azienda privata dal marchio noto in tutto il mondo di occupare spazi temporali riservati all’istruzione pubblica, come nel caso del concerto offerto da Yamaha durante le ore di lezione.

 

{loadposition bonus}

 

Ecco il commento dei Parlamentari 5 Stelle dopo la risposta del sottosegretario al Miur Toccafondi, a una interrogazione parlamentare sulla questione presentata dall’on. Gianluca Vacca: “Toccafondi ha giustificato l’accaduto in modo puerile, dichiarando che tale decisione era stata presa dal collegio dei docenti. Peccato che la legge vieti questa possibilità e al ministero spetterebbe il compito di far rispettare le regole ai suoi dipendenti, non di prendere atto di quanto accade allargando le braccia. Non bastasse, tale corso privato, che i genitori hanno dovuto pagare, è stato anche utilizzato dagli insegnanti per la valutazione degli studenti nella disciplina musicale. Casi come questo creano un vero e proprio mercato delle discipline appaltate ai privati, che causa un cortocircuito nella scuola pubblica. Quando, infine, il ministero ha giustificato l’accaduto ricordando che l’adesione al corso era stata alta e che la risposta da parte dei genitori al questionario di gradimento risultava essere positiva, si è sfiorato il ridicolo. O la legge è legge, oppure siamo in una giungla nella quale ciascuno fa quello che vuole, purché l’iniziativa risulti gradita. Procedendo di questo passo finiremo con l’appaltare direttamente gli orari di lezione ad aziende e multinazionali, così che possano promuovere i loro prodotti? Questa non è una fantasia: l’indirizzo che il ministero dell’Istruzione e il Governo stanno dando è esattamente questo”.

Il caso sollevato dai Parlamentari 5 Stelle, per la verità, non riguarda solamente la scuola Casier, Treviso e il Veneto, ma è molto più diffuso di quanto si possa pensare. Ci sono casi di dirigenti scolastici di Istituti comprensivi che per compiacere i dirigenti delle scuole secondarie di II grado, in periodo di orientamento, distolgono intere classi dalle ore di lezione curricolare per recarsi con pulmini privati a visitare le scuole in cui dovranno iscriversi. Anche questo è un comportamento illegittimo, in quanto i ragazzi hanno il diritto, riconosciuto dalla legge, di svolgere il monte orario di lezione per intero e solo il Consiglio di classe può programmare uscite didattiche attinenti al percorso di studio della classe.

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese