Home Archivio storico 1998-2013 Generico “Macramè” e il Diritto all’informazione

“Macramè” e il Diritto all’informazione

CONDIVIDI
webaccademia 2020


Studenti e docenti si sono dati appuntamento, giovedì 16 dicembre 2004 alle ore 10 presso la Sala Azzurra della Federazione della Stampa, in Corso Vittorio Emanuele 349 a Roma, per discutere del numero della rivista dedicato al Diritto all’informazione, insieme a vari rappresentanti del giornalismo italiano e a due ospiti legati al mondo dell’informazione.
Il costo di una corretta informazione per un ragazzo è di 103 euro al mese; dodici i giornalisti italiani morti dal 1987 ad oggi. Macramè affronta il tema dell’informazione da due punti di vista: quello del fare informazione e quello dell’utilizzare l’informazione, doppio binario ben esemplificato dai costi dell’informazione. Ogni mese informarsi correttamente, incrociando quotidiani, periodici, libri, dvd, mostre, ha costi elevati per un giovane;  sull’altro fronte fare informazione di un certo tipo, il cosiddetto giornalismo di inchiesta, ha costi umani altrettanto alti. Due punti di vista che si ritrovano in una accattivante copertina doppia, a seconda del verso nel quale si legge la rivista: Informarsi, istruzione per l’uso e Informare, istruzioni per l’uso.
Il luogo per la presentazione non è stato scelto a caso: parlare di informazione presso la Federazione Nazionale della Stampa ha un valore chiaramente simbolico. A questo si unisce la scelta oculata degli ospiti, operatori dell’informazione invitati perché autori di quel giornalismo sui temi della legalità, della giustizia, dei diritti che costituisce punto di riferimento per Macramè:
– Giovanni Anversa, giornalista Rai, è conduttore del programma Racconti di vita;
– Maurizio De Luca, direttore dell’Agenzia Giornali Locali, è stato direttore di un quotidiano e consapevole perciò dei criteri commerciali che influenzano l’informazione;

– Roberto Morrione, direttore di Rainews 24, canale purtroppo solo satellitare;
– Anna Pizzo, giornalista del settimanale Carta;
– Paolo Serventi Longhi, segretario della Fnsi;
– Giorgio e Luciana Alpi, genitori di Ilaria Alpi, giornalista Rai uccisa a causa del suo lavoro.

Informazioni:
Libera

Ufficio stampa:
Sara Pietrangeli

Tel. 06-42820065

Gruppo Abele
Ufficio comunicazione e stampa
Tel. 011-3841072-78.

ICOTEA_19_dentro articolo
CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese