Home Reclutamento Mancanza docenti di sostegno. Fioramonti: una vergogna. Si torni alle classi speciali...

Mancanza docenti di sostegno. Fioramonti: una vergogna. Si torni alle classi speciali se l’inclusione è solo sulla carta

CONDIVIDI

Lorenzo Fioramonti – fuoriuscito M5S – si inserisce nel dibattito sul reclutamento degli insegnanti di sostegno, nell’ambito dell‘iniziativa FLC CGIL “Sbloccare il reclutamento nel sostegno: assunzioni da GPS e aggiornamento delle graduatorie”.

“I numeri di cattedre vacanti continuano a crescere – afferma preoccupato l’ex ministro – e i concorsi sono incapaci di generare il livello di immissioni in ruolo necessario”.

Icotea

“Nonostante a parole siano tutti attenti al problema dell’inclusione, nei fatti non è così. Io affermo in maniera politicamente scorretta che dovremmo tornare alle scuole speciali se facciamo finta di avere una scuola inclusiva e poi non riusciamo a garantire questa inclusione nella realtà ma solo sulla carta“.

“Io mi aspettavo che il Ministero ponesse tre o quattro questioni cruciali. Tra queste c’è la questione del sostegno, perché quando un Ministro riceve centinaia di lettere di famiglie che lamentano di non potere mandare a scuola i propri figli con disabilità perché mancano gli insegnanti di sostegno, questo è un problema talmente gigantesco e indignitoso che un Ministro può solo vergognarsi“.

“Sulla questione del sostegno, davanti a ogni insegnante che manca c’è una persona che non può uscire di casa e non può neanche lontanamente aspirare a un percorso formativo”.

“L’inclusione deve diventare una vergogna del passato, altrimenti ci prendiamo in giro”.

“Non è sufficiente dire mettiamo qualche persona in più, e poi ci affidiamo a concorsi lunghi, farraginosi e inidonei a selezionare le persone migliori”.

In conclusione l’ex ministro chiede che quella del sostegno diventi una battaglia di bandiera unitaria.