Home Archivio storico 1998-2013 Generico Mostre e premi d’arte

Mostre e premi d’arte

CONDIVIDI
webaccademia 2020


Fino al prossimo 16 dicembre le opere di 27 artisti, selezionati nell’ambito della 41ª edizione del Premio Suzzara, che ha per titolo "Lavoro e lavoratori nell’arte 2001", sono esposte nella Galleria civica d’arte contemporanea della cittadina che si trova in provincia di Mantova. Sono stati scelti alcuni esponenti delle più recenti tendenze dell’arte contemporanea, privilegiando, in un contesto internazionale, tecniche e linguaggi differenti.

Le opere che verranno premiate da una giuria composta da rappresentanti delle istituzioni culturali suzzaresi e da personaggi del mondo dell’arte e dello spettacolo faranno parte, alla conclusione della mostra (ingresso lire 5.000, chiusa i lunedì), della collezione della Galleria. E’ stata istituita anche una sezione a libera partecipazione, aperta a tutti gli artisti: il vincitore di tale sezione sarà nominato dal comitato scientifico del Premio Suzzara (tel. 0376/531109 per informazioni).

Presso il Museo civico di storia e scienze naturali "Bellona" di Montebelluna (TV) è possibile visitare sino al 30 novembre la mostra "La natura, l’arte, la meraviglia" (ingresso lire 5.000, scolaresche lire 1.500 per ciascun alunno). L’esposizione, già presentata in anteprima al Museo di storia naturale di Verona, sarà ospitata anche presso il Museo di storia naturale di Vicenza (dicembre 2001 – febbraio 2002), il Museo naturalistico di Villa Beatrice sul Monte Gemola e il Museo geopaleontologico di Cava Bomba (marzo – maggio 2002), che si trovano entrambi nel Parco dei Colli Euganei, e a Venezia (giugno – luglio 2002) presso la sede espositiva della Fondazione Bevilacqua La Masa, a cui ci si può rivolgere, telefonando allo 041/5207797, per ulteriori informazioni.

Infine, segnaliamo che sino al 9 dicembre si tiene, presso la sede della Fondazione Ferrero di Alba (CN), la mostra "Protagonista del Rinascimento piemontese" dedicata a Macrino d’Alba, artista formatosi a Roma nella bottega del Pinturicchio e che ha prodotto un numero limitato di opere, quasi tutte su tavola. Sempre nel contesto della pittura del Rinascimento in Piemonte, accanto alle opere di Macrino vengono presentati importanti lavori di altri artisti in una mostra che comunque non si occupa solo di pittura ma anche di scultura e di "arti minori".

Per quanto riguarda Macrino d’Alba, alle opere in mostra se ne aggiungono altre che l’artista piemontese realizzò per chiese ed abbazie del territorio e che è possibile ammirare attraverso un apposito itinerario nelle Langhe e nel Roero (durante i fine settimana l’itinerario può essere percorso su bus navetta con l’ausilio di guide).
Per celebrare l’evento, le Poste italiane il 20 ottobre hanno emesso un francobollo commemorativo del cinquecentesimo anniversario dell’opera di Macrino "Madonna con Bambino, angeli, i santi Francesco e Tommaso d’Aquino e due donatrici".

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese