Home Sicurezza ed edilizia scolastica I Nas ispezionano le mense scolastiche in Abruzzo: sequestri e denunce

I Nas ispezionano le mense scolastiche in Abruzzo: sequestri e denunce

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Una serie di controlli nelle mense scolastiche e negli stessi istituti dell’infanzia, primari e secondaria, sia pubblici, che privati, sono stati condotti dai Carabinieri del NAS di Pescara. Undici le strutture ispezionate su tutto il territorio regionale.

In Provincia di Pescara, i militari hanno segnalato all’Autorità Giudiziaria il responsabile e l’addetta alla refezione di una scuola per l’infanzia ove venivano impiegate, per la preparazione dei pasti, materie prime convenzionali, sebbene nei contratti stipulati con i genitori dei bambini, venisse vantato l’uso esclusivo di prodotti biologici.

Carenze igieniche

In un centro cottura cittadino, che forniva servizio di catering ad una scuola privata, invece, i militari, in collaborazione con personale della ASL, hanno documentato gravi carenze igienico sanitarie e gestionali.

ICOTEA_19_dentro articolo

Immediato è scattato il provvedimento di sospensione dell’attività e il vincolo per oltre 50 kg di prodotti alimentari, di origine animale e vegetale, risultati carenti di informazioni utili alla loro rintracciabilità.

Nessuna autorizzazione

In Provincia di Chieti, i Carabinieri hanno ispezionato un nido che, oltre ad essere mantenuto in condizioni strutturali carenti, è risultato privo di autorizzazione. A seguito dell’informativa dei NAS, il primo cittadino del comune interessato ha adottato il provvedimento di chiusura immediata. In una scuola primaria, sita sulla litoranea, i Carabinieri hanno rilevato inadeguatezze igienico sanitarie e strutturali sia nei locali destinati alla preparazione dei pasti, che in quelli ad uso didattico e nelle relative pertinenze. I responsabili sono stati segnalati alle Autorità Competenti che hanno disposto l’immediata rimozione delle non conformità.

 

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese