Home Ordinamento scolastico Nessuna abbreviazione per merito nei corsi del secondo livello dell’istruzione degli adulti

Nessuna abbreviazione per merito nei corsi del secondo livello dell’istruzione degli adulti

CONDIVIDI

Lo chiarisce l’Ufficio scolastico del veneto, sulla base della nota prot. 2827 del giorno 11 marzo 2016 del Miur con cui si precisa:  

“…la disciplina dell’abbreviazione per merito come disposta nell’articolo 6, comma 2 del DPR 122/2009 fa riferimento ai corsi di studio di istruzione secondaria di secondo grado strutturati secondo assetti didattici che prevedono 5 classi articolate in altrettanti anni scolastici.

Icotea

I frequentanti i corsi di cui al DPR 263/12, secondo livello dell’istruzione degli adulti, seguono percorsi organizzati secondo assetti che prevedono gruppi di livello articolati in periodi didattici nei quali è già compresa la riduzione del percorso di studio.

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

Come è noto, i percorsi di secondo livello sono costituiti da tre periodi didattici e rappresentano un adattamento ai piani di studio di cui ai D.P.R. 87, 88 e 89 del 15 marzo 2010, con la riduzione al 70 % del quadro orario dei percorsi diurni; a maggior ragione per il percorso di secondo livello frequentato per i primi due periodi didattici, in soli due anni scolastici, uno per ciascun periodo, non ha senso eliminare il terzo periodo didattico, in quanto in tal caso l’abbreviazione è già di due anni nel quinquennio.

L’articolazione di tali percorsi, infatti, è completamente diversa dai corsi diurni; pertanto, non può essere ricondotta alla stessa logica della ripartizione per anni scolastici e di conseguenza non può essere applicata per analogia la normativa di riferimento”.

Per quanto sopra esposto, l’abbreviazione per merito non è pertanto consentita per i frequentanti i corsi di secondo livello di cui al DPR 263/2012.