Home Ordinamento scolastico Nessuna abbreviazione per merito nei corsi del secondo livello dell’istruzione degli adulti

Nessuna abbreviazione per merito nei corsi del secondo livello dell’istruzione degli adulti

CONDIVIDI
  • Credion

Lo chiarisce l’Ufficio scolastico del veneto, sulla base della nota prot. 2827 del giorno 11 marzo 2016 del Miur con cui si precisa:  

“…la disciplina dell’abbreviazione per merito come disposta nell’articolo 6, comma 2 del DPR 122/2009 fa riferimento ai corsi di studio di istruzione secondaria di secondo grado strutturati secondo assetti didattici che prevedono 5 classi articolate in altrettanti anni scolastici.

Icotea

I frequentanti i corsi di cui al DPR 263/12, secondo livello dell’istruzione degli adulti, seguono percorsi organizzati secondo assetti che prevedono gruppi di livello articolati in periodi didattici nei quali è già compresa la riduzione del percorso di studio.

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

Come è noto, i percorsi di secondo livello sono costituiti da tre periodi didattici e rappresentano un adattamento ai piani di studio di cui ai D.P.R. 87, 88 e 89 del 15 marzo 2010, con la riduzione al 70 % del quadro orario dei percorsi diurni; a maggior ragione per il percorso di secondo livello frequentato per i primi due periodi didattici, in soli due anni scolastici, uno per ciascun periodo, non ha senso eliminare il terzo periodo didattico, in quanto in tal caso l’abbreviazione è già di due anni nel quinquennio.

L’articolazione di tali percorsi, infatti, è completamente diversa dai corsi diurni; pertanto, non può essere ricondotta alla stessa logica della ripartizione per anni scolastici e di conseguenza non può essere applicata per analogia la normativa di riferimento”.

Per quanto sopra esposto, l’abbreviazione per merito non è pertanto consentita per i frequentanti i corsi di secondo livello di cui al DPR 263/2012.