No alla riapertura delle scuole! La richiesta di un nonno siciliano alla Ministra

CONDIVIDI

Il 19 novembre. il giorno dopo la pubblicazione sul profilo Facebook del ministro Azzolina di un post di un nonno di nome Massimo nel quale si chiedeva la riapertura di tutti i gradi di scuola, un altro nonno, Gaetano Vesco di Sciacca (AG) ha fatto pervenire sempre al Ministro una richiesta di tenore opposto.

Gaetano si rivolge anche alla nostra rubrica video La vostra opinione conta!.

No alla riapertura delle scuole!” – sostiene l’ex docente e dirigente scolastico – “sono una fonte inesauribile di contagio”.

ICOTEA_19_dentro articolo

E nel corso dell’intervento aggiunge: “non occorre essere eminenti scienziati per comprendere che bambini, adolescenti, ragazzi avrebbero portato a casa il virus, contratto venendo a contatto con asintomatici dentro e/o fuori la scuola, mettendo a rischio la salute e la vita dei familiari”.

“Il problema dei trasporti” – continua – “è stato ampiamente sottovalutato e soprattutto non risolto”.

E infine, conclude la trasmissione con un appello: “Gentile Ministra, Lei conosce la Costituzione Italiana e sa che l’art. 32 tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività.
Disponga con urgenza la chiusura delle scuole in tutto il territorio nazionale e il ritorno alla Didattica a Distanza per ogni ordine e grado.
Soltanto ad emergenza superata si potrà tornare in presenza in nome della tanto decantata socialità, che si auspica finalmente possibile e reale”.

Ma non tutti la pensano come nonno Gaetano. Il dibattito è aperto.

Chi volesse partecipare alla “trasmissione” può inviare una mail a [email protected] illustrando brevemente la sua opinione.