Home Università e Afam Non subito lo stop al numero chiuso a Medicina

Non subito lo stop al numero chiuso a Medicina

CONDIVIDI

“Voglio essere sincero, a me non risulta questa cosa. Farò le dovute verifiche ma non mi risulta nulla di simile”. L’ha detto il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti commentando la notizia secondo la quale nel corso del Consiglio dei ministri sarebbe stato abolito il numero chiuso per la facoltà di Medicina.

“Stiamo lavorando per allargare il numero degli ammessi: sarà un percorso graduale, ma si farà”.

Icotea

Anche una nota di Palazzo Chigi

Una nota di palazzo Chigi corregge inoltre quanto scritto nel comunicato del Cdm: “In merito al superamento del numero chiuso per l’accesso alla facoltà di Medicina, la presidenza del Consiglio precisa che si tratta di un obiettivo politico di medio periodo per il quale si avvierà un confronto tecnico con i ministeri competenti e la Conferenza dei Rettori delle università italiane, che potrà prevedere un percorso graduale di aumento dei posti disponibili, fino al superamento del numero chiuso”. 

“I Ministri Bussetti e Grillo hanno chiesto in sede di Consiglio dei Ministri di aumentare sia gli accessi sia i contratti delle borse di studio per medicina. E’ un auspicio condiviso da tutte le forze di maggioranza che il Governo intende onorare. Si tratta chiaramente di un percorso da iniziare già quest’anno per gradi. Per assicurare l’aumento dei posti disponibili e avviare un percorso condiviso, a breve sarà convocata una prima riunione con tutti i soggetti interessati a cominciare dalla Crui”.

I numeri degli aspiranti medici

Di certo c’è che – ad esempio – solo quest’anno gli aspiranti camici bianchi sono stati 66.907 (erano 62.695 nel 2016) e i posti disponibili a Medicina e Odontoiatria circa diecimila: praticamente solo uno su 7 ce l’ha fatta.