Home I lettori ci scrivono Occorre rivedere il tempo scuola alle medie: forse meglio l’uscita anticipata

Occorre rivedere il tempo scuola alle medie: forse meglio l’uscita anticipata

CONDIVIDI

Cinque ore da trascorrere nei banchi di scuola per gli alunni delle scuole secondarie
di I grado sono troppe. Esse vanno riviste e soprattutto ridotte, in virtù del fatto che
dopo la quarta ora di lezione gli alunni più indisciplinati iniziano a recare grave
disturbo al buon andamento della lezione chiedendo spesso di andare al bagno,
muovendosi continuamente nel banco sedendosi in una posizione poco consona
all’ambiente scolastico, parlando continuamente con il compagno di banco, voltandosi indietro per disturbare chi sta seguendo “in santa pace” la lezione.

Per questi ovvi motivi occorre riconsiderare il tempo scuola favorendo il termine delle
lezioni alle ore 12.30 e quindi limitando la giornata scolastica a quattro ore.

Del resto il livello di attenzione degli alunni delle scuole medie è minimo per cui trattenerli per cinque ore seduti nei banchi rappresenta per loro un martirio e per il docente fonte di
stress, nervosismo e stanchezza. Purtroppo stiamo assistendo ad una vera e propria
rivoluzione generazionale che sta portando ad avere alunni sempre più insofferenti,
sempre più ingestibili, capaci di rendere il clima di lavoro in classe abbastanza
pesante. Insomma cinque ore nei banchi per gli alunni di oggi non è più possibile.
Sarebbe il caso di valutare tutte le opportunità per favorire un orario di lezione
articolato su non più di quattro ore giornaliere perché gli alunni difficili creano
situazioni di disturbo ai loro coetanei che sono volenterosi e questa condotta è
perseguibile perché la giurisprudenza ci dice che l’interruzione continua della lezione
da parte degli allievi “disobbedienti” che non rispettano le regole del vivere civile,
viene considerata “interruzione di pubblico servizio”.

ICOTEA_19_dentro articolo

E qui ritorniamo alla questione che il docente quando è in classe riveste un ruolo importante di “pubblico ufficiale” nell’esercizio delle sue funzioni. Per tale ragione l’interruzione della lezione non crea un clima sereno e produttivo in classe e produce danni agli studenti volenterosi e desiderosi di apprendere. Ovviamente il docente essendo responsabile della classe non più mandare via dall’aula un alunno indisciplinato perché potrebbe incorrere in sanzioni per omessa vigilanza. La legge, infatti, rimarca molto il concetto di vigilanza dei minori e il docente ne è il primo responsabile, in quanto può incorrere in situazioni di “culpa in vigilando” se il minore non è sotto la sua sorveglianza.

La cosa migliore sarebbe quella di non prolungare l’orario delle lezioni oltre le quattro ore
(8.30-12.30) e di questo se ne avvantaggerebbero sia gli alunni che i docenti.

Mario Bocola