Home Generale Oh che bel mestiere fare il maggiordomo

Oh che bel mestiere fare il maggiordomo

CONDIVIDI
  • GUERINI

E per intraprendere questa suggestiva professione, descritta in moltissime opere letterarie e cinematografiche, sarebbero nati corsi a Milano, Torino, Roma, nel Veneto.

Professione in realtà molto complessa, il maggiordomo deve essere, in primo luogo, il direttore della casa e quindi sovrintendere a tutte le figure domestiche; ma anche essere in grado di prenotare un ristorante, l’ingresso a una mostra o a una serata all’opera, evitando lunghe file. In alcuni casi deve addirittura occuparsi di comprare qualche capo di guardaroba per il suo datore di lavoro, conoscendo molto bene i gusti di chi gli si affida, inviare fiori o acquistare un regalo.

Icotea

Ma deve pure possedere una buon cultura personale, che prevede la conoscenza di una o più lingue straniere, essere ovviamente un esperto di galateo e avere la capacità di gestire la casa, anche da un punto di vista economico. Curato, ben vestito e discretissimo.

Questa professione a quanto sembra avrebbe un mercato più vasto di quello che si potrebbe immaginare.

Molto ricercati quelli che si formano in Italia, possono naturalmente lavorare in case provate, o semplicemente offrirsi come free-lance, per una sola serata o per poche ore. Più facile trovare una collocazione in hotel superstellati, sulle navi, su barche o aerei privati, mentre sarebbero richiesti in molti paesi stranieri, soprattutto quelli emergenti, dove i padroni di casa aspirano ad avere una figura proveniente dal vecchio mondo, in grado di fornire consigli e, con la solita discrezione, affrontare regole di bob ton ancora poco conosciute.

I maggiordomi italiani, uomini o donne, hanno un patrimonio culturale legato all’arte e al buon gusto e ovviamente alla conoscenza del cibo e dei vini.

Alto lo stipendio che andrebbe dai 1500 euro, a cui vanno aggiunte le mance, che spesso riescono a raddoppiarlo, ai 3000 fino ai 5000 euro per i maggiordomi di provata esperienza (vitto e alloggio esclusi naturalemente).