Home Archivio storico 1998-2013 Personale Pantaleo (Flc-Cgil): non abbiamo firmato intesa all’Aran perchè iniqua

Pantaleo (Flc-Cgil): non abbiamo firmato intesa all’Aran perchè iniqua

CONDIVIDI
  • GUERINI

“La stessa mette in discussione il diritto di docenti ed Ata ad avere un’equa retribuzione delle prestazioni che si svolgono nelle scuole a favore degli alunni. Lo scambio fra mof e scatti d’anzianità è iniquo perché propone un meccanismo che dà ad alcuni togliendo a tutti i diritti contrattuali. Prevede che nel prossimo rinnovo contrattuale si recupererà una maggiore produttività individuale per compensare ciò che è stato tagliato in termini di organici: Una vera e propria beffa!
L’Intesa pone le premesse per dividere di nuovo i lavoratori e riproporre la contrapposizione fra scatti (a partire da quelli maturati e non pagati nel 2012) e MOF. Ribadiamo la richiesta di rimuovere il blocco degli scatti d’anzianità per tutti. Tra l’altro tale taglio si concretizza in un’enorme opera di impoverimento dell’autonomia scolastica e dell’autonomia negoziale di Dirigenti ed Rsu.
I risvolti sulla contrattazione integrativa sono pesantissimi e i tentativi di limitare la contrattazione di scuola sono la conseguenza dello stato d’incertezza e di confusione determinati dall’intesa. Deve essere chiaro a tutti che non accetteremo interpretazioni arbitrarie sulla contrattazione. Abbiamo già avviato il percorso per la definizione della piattaforma per il rinnovo del contratto nazionale.
E’ importante che tali giudizi siano stati condivisi dalle 2100 assemblee di consultazione del personale della scuola, promosse autonomamente dalla Flc –Cgil, che hanno registrato l’85% dei no all’intesa. Per la nostra organizzazione sindacale il giudizio dei lavoratori sarà sempre vincolante rispetto agli accordi che si sottoscrivono”.