Home Generale Partono le politiche attive per il lavoro

Partono le politiche attive per il lavoro

CONDIVIDI

La task force che dovrà segnare il passaggio dalla fruizione di sussidi esclusivamente passivi all’assistenza e formazione dei lavoratori cessati verso un nuovo impiego è praticamente pronta: «A metà luglio c’è stato il primo Cda della nuova Agenzia nazionale, Anpal – spiega al Sole-24 Ore il neo presidente e consigliere giuridico di palazzo Chigi, Maurizio Del Conte.- Stiamo ultimando l’infrastruttura informativa, collegando tutte le banche dati per avere informazioni precise sui singoli percettori dei sussidi in vista della loro attivazione. È a buon punto anche la “squadra”: nell’Anpal confluirà parte del personale di ministero del Lavoro e Isfol, il braccio operativo sarà ItaliaLavoro e ci sarà un forte legame con le agenzie private, e con le Regioni, attraverso i centri per l’impiego che avranno un ruolo delicato, essendo il primo punto di contatto per i disoccupati. Nella manovra di Bilancio poi proveremo a ottenere risorse aggiuntive».

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

Icotea

{loadposition bonus}

E tra settembre e ottobre ci saranno due novità. La prima, assoluta, è la nascita di un numero telefonico unico per il lavoro, «dove i disoccupati potranno ottenere tutte le informazioni utili, e saranno accompagnati anche nella presentazione della Did, con l’iscrizione allo stato di disoccupazione. L’obiettivo è duplice: sgravare di alcuni compiti i centri per l’impiego, ma anche venire incontro alle necessità delle persone, non tutte native digitali, avvicinandole così al nuovo sistema di politiche attive».

La seconda novità riguarda l’alternanza scuola-lavoro, che con l’inizio del nuovo anno sarà obbligatoria pure per gli studenti delle classi quarte (si stima che sarà coinvolta una platea di oltre 700mila studenti): «Anche qui Anpal (Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro)  sarà in prima linea. Supporteremo le scuole e ci attiveremo per le attività di tutoraggio dei professori e, se serve, anche dei referenti aziendali»