Home Archivio storico 1998-2013 Generico PC per le scuole dalla Agenzia delle Entrate

PC per le scuole dalla Agenzia delle Entrate

CONDIVIDI
  • Credion

Più di un migliaio di computer dismessi dalla Agenzia delle entrate saranno ceduti alle scuole che ne faranno richiesta.
Sembra una buona notizia, soprattutto in tempi di “magra” come questi.
Ma, per capire meglio di cosa si tratta, è necessario esaminare l’iniziativa con attenzione.
Intanto, per ora, l’offerta riguarda le due sedi regionali del Veneto e della Liguria.
I computer offerti sono quasi tutti dei “Pentium III” o, al massimo “Pentium IV” ovvero macchine che funzionano con sistemi operativi vecchi (l’Agenzia ha già precisato che non è certo che i PC vengano consegnati alle scuole dotati di sistema operativo windows).
I PC dovranno essere ritirati presso le singole sedi locali (in genere le città capoluogo di provincia).
“Le operazioni di ritiro e di imballaggio delle apparecchiature – spiega anzi l’Agenzia del Veneto nel bando ufficiale di gara –
saranno a cura dell’ente beneficiario che quindi dovrà presentarsi al momento del ritiro munito di tutto il materiale necessario (es. cartoni, nastro adesivo, ecc.)”.
Ma l’aspetto più curioso della vicenda riguarda le modalità con cui verranno assegnati i PC.
Le scuole partecipanti verranno inserite in una graduatoria costruita in modo a dir poco fantasioso.
Vediamo di spiegare il meccanismo.
Al momento della richiesta la scuola dovrà indicare tre numeri fra 1 e 90.
Inoltre alla scuola verrà abbinato un quarto numero calcolato che sarà generato automaticamente dall’applicativo disponibile nel sito dell’Agenzia
“sommando a modulo 90 (+1) i codici ASCII dei caratteri (maiuscoli) che compongono il Codice Fiscale del richiedente”.
A questo punto i 4 numeri verranno messi a confronto con i primi 4 numeri del lotto estratti il 9 maggio sulla ruota nazionale.
Le 4 differenze, opportunamente rielaborate con una formula matematica piuttosto complessa che potrebbe anche far venire il mal di testa a qualche nostro lettore, daranno infine origine al punteggio che sarà attribuito a ciascuna scuola richiedente.
A punteggio minore corrisponderà una migliore posizione in graduatoria (chi è riuscito a seguire il meccanismo di calcolo avrà infatti compreso che il punteggio è tanto più basso quanto di più i 3 numeri scelti dalla scuola saranno vicini ai numeri estratti il 9 maggio).
Ovviamente la richiesta dovrà essere trasmessa per via telematica utilizzando un applicativo disponibile nel sito www.fiscooggi.it/phoenice
Sorgono spontanee alcune domande: quante ore di lavoro di quanti funzionati sono state necessarie per ideare e descrivere in modo comprensibile questa procedura ? quanto costa l’applicativo disponibile sul sito dell’Agenzia che deve generare un apposito file contenente tra l’altro i dati necessari per ottenere il punteggio di ciascuna scuola ?
Il tutto, è bene sottolinearlo, per distribuire PC che chiunque di noi sarebbe imbarazzato a regalare persino ad un bambino.
Per dovere di cronaca aggiungiamo che il bando per la Liguria è già scaduto, mentre per il Veneto sarà possibile presentare domanda entro le ore 12 dell’8 maggio prossimo.