Home Pensionamento e previdenza Pensione, arriva il cedolino su web spiega-tutto

Pensione, arriva il cedolino su web spiega-tutto

CONDIVIDI

Arriva un nuovo servizio Inps: è il cedolino della pensione, un servizio informativo sulle pensioni in pagamento, “al fine di facilitare la maggiore comprensione delle singole componenti del rateo mensile”.

Il servizio in line

“Accessibile per il cittadino tramite il servizio on line dedicato sul sito dell’Istituto, è il documento nel quale sono riportate le componenti interne del rateo mensile posto in pagamento”, spiega l’istituto di previdenza.

“Sul rateo mensile di pensione – spiega ancora l’Inps – possono incidere sia voci ricorrenti, quali, ad esempio, le ritenute IRPEF mensili, che elementi variabili, riferiti a specifiche platee e riconducibili a lavorazioni dedicate effettuate centralmente dall’Istituto e descritte di volta in volta con messaggi dedicati”.

ICOTEA_19_dentro articolo

Un supporto per tutti i pensionati

Ecco, quindi, i motivi del nuovo servizio informativo, “indirizzato sia ai pensionati che accedono autonomamente al sito istituzionale per acquisire informazioni relative alla propria pensione, che agli operatori delle Strutture dell’Istituto, per supportarli nella loro quotidiana attività consulenziale rivolta ai cittadini”.

Il servizio, avviato sperimentalmente già nel mese di febbraio 2020, prevede la pubblicazione, sul sito internet dell’Istituto, per i pensionati, e sulla pagina intranet della Direzione centrale Pensioni, per gli operatori delle Strutture territoriali, delle principali informazioni riferite al rateo di pensione posto mensilmente in pagamento.

Le variazioni tra l’importo lordo e netto

Per i pensionati “saranno descritte le operazioni più significative effettuate dall’Istituto e che possono aver determinato, per specifiche categorie di pensionati, la variazione dell’importo mensile della pensione”.

In tal modo, “sarà più semplice per i cittadini comprendere le voci pubblicate nel cedolino mensile e le ragioni che hanno determinato l’eventuale variazione tra l’importo lordo e l’importo netto in pagamento”.

CONDIVIDI