Home Archivio storico 1998-2013 Generico Personale docente inidoneo

Personale docente inidoneo

CONDIVIDI
  • Credion

Con decreto n. 79 del 12 settembre, trasmesso dalla nota ministeriale prot. 7121 di pari data, il Miur proroga il termine di presentazione, da parte del personale docente dichiarato permanentemente inidoneo per motivi di salute, della domanda di inquadramento in qualità di assistente amministrativo e di assistente tecnico.

Le istanze volontarie potranno essere prodotte entro mercoledì 21 settembre;differita quindi la presentazione delle domande già fissata per il 14 settembre dalla precedente nota prot. n. 6626 del 10 agosto scorso, i cui contenuti sono peraltro confermati. Peraltro, il decreto del 12 settembre evidenzia che il personale che “chiede ed ottiene di essere inquadrato nei ruoli Ata, può successivamente partecipare alla mobilità intercompartimentale”.
Inoltre, “nell’assegnazione della sede verrà garantita la precedenza assoluta al personale richiedente la mobilità intercompartimentale, che abbia prestato servizio per almeno sei mesi negli uffici dell’Amministrazione centrale e periferica del Ministero”.
La Flc Cgil sottolinea che grazie alle pressioni effettuate “è stato definitivamente chiarito che non sussiste alcun obbligo da parte di questi docenti di passare nei profili Ata”. La domanda è volontaria e la Federazione lavoratori della conoscenza evidenzia che “in caso di mancata presentazione le altre possibilità sono: mobilità intercompartimentale; dispensa dal servizio; domanda di pensione. Al personale che farà domanda di passaggio verrà assegnata subito una sede provvisoria, mentre l’assegnazione della sede definitiva sarà regolata dal contratto integrativo nazionale sulla mobilità per il 2012/2013”.

La Flc mette anche in rilievo che “chi non presenterà domanda di passaggio nei profili Ata, potrà successivamente partecipare alla mobilità intercompartimentale in base al decreto che dovrà essere emanato dal Ministro della Funzione Pubblica. Nel frattempo questi docenti rimangono utilizzati nell’attuale sede di servizio, dal  momento che resta pienamente valido il loro contratto individuale di lavoro sottoscritto sulla base del Ccni del giugno 2008.