Home I lettori ci scrivono Piano Scuola Estate. I fondi dovrebbero essere destinati a docenti e Ata...

Piano Scuola Estate. I fondi dovrebbero essere destinati a docenti e Ata interni

CONDIVIDI
  • Credion

Quella che segue è una mozione di dignità, approvata a larga maggioranza nel Collegio dei Docenti dell’IIS Balducci di Pontassieve, che vuole ribadire le impellenti e invariate necessità della scuola statale, ancor più esacerbate dalla pandemia tuttora in corso.

Per tali motivi sarebbero stati opportuni interventi strutturali: la riduzione del numero di studentesse/i per classe, l’assunzione conseguente di personale docente e non, l’adozione di dispositivi per la sanificazione dell’aria nelle classi, il potenziamento dei mezzi pubblici legati alle scuole, la fornitura di mascherine FFP2 a tutto il personale

Icotea

Sono stati, invece, stanziati dal governo fondi per capitoli di spesa utili ma non sostanziali. Non condividiamo. Ecco perché questa mozione. A nome del Collegio, Gabriella Torano – Castelfranco Pian di Scò (AR).

La mozione

Il Collegio dei Docenti in merito al Piano Scuola Estate recentemente emanato dal M. I., preso atto degli ingenti finanziamenti messi a disposizione da parte del M.I. così ripartiti:

  • D.L. 22 marzo 2021, n. 41 ( art. 31, comma 6), per un totale di 150 milioni di euro;
  • Programma operativo nazionale (PON) “Per la scuola”, 2014-2020, per un totale di (circa) 320 milioni di euro;
  • D.M.2 marzo 2021, n. 48 (ex L. 440/1997), per un totale di 40 milioni di euro;

delibera che le risorse previste dalle citate fonti di finanziamento finalizzate alla realizzazione del Piano Scuola Estate 2021 siano utilizzate in via assolutamente prioritaria per la remunerazione di attività svolte da parte di personale docente e ATA interno o comunque appartenente all’amministrazione scolastica, a meno che non vi sia indisponibilità o manchino specifiche competenze da parte di suoi componenti.

Ciò detto, il Collegio esprime forte preoccupazione e contrarietà in merito alla politica di ulteriore apertura del M.I. nei confronti di enti privati, associazioni, fondazioni e in generale del terzo settore. Il Collegio dissente, inoltre, dall’indirizzo dei fondi del “Piano Scuola Estate”, sebbene utili, giacché ritiene che le priorità, come sempre ed in particolare in questo momento, siano quelle del potenziamento degli organici, della messa in sicurezza degli edifici scolastici, della diminuzione del numero di allievi per classe, del potenziamento delle misure di contenimento dell’epidemia da Covid 19 in ambito scolastico e del contrasto agli effetti negativi della DAD.