Home Politica scolastica Posticipate le prove dell’Invalsi per colpire lo sciopero

Posticipate le prove dell’Invalsi per colpire lo sciopero

CONDIVIDI

Per il giorno 5 maggio era stato proclamato, da diversi mesi, lo sciopero contro le prove dell’Invalsi, cuore pulsante del sistema di valutazione nella scuola, ergo della riforma in discussione sulla scuola.

Su questa data, successivamente, hanno deciso di confluire anche altre organizzazioni sindacali, per un grande sciopero democratico contro le riforme in essere che minano seriamente la scuola pubblica.

Icotea

Era nell’aria. Era nell’aria l’annuncio di un possibile rinvio delle prove dell’Invalsi previste per il cinque maggio. E ciò è accaduto. Ora, le regole del gioco devono essere rispettate, specialmente da chi è articolazione dello Stato, ed in questo caso l’Invalsi lo è.

Da dieci anni a questa parte le date delle prove sono state sempre comunicate tramite note, rispettate e l’unico rinvio possibile doveva avvenire per ragioni variegate ma da comunicare perentoriamente entro il dicembre dell’anno precedente.

Questa volta si è andati oltre ogni immaginabile previsione. Regole del gioco violate, cambiate, ribaltate, durante il gioco, senza che la controparte possa tutelarsi in breve tempo in modo adeguato.

Sia per una questione di tempistica, visto che la comunicazione è pervenuta ad una settimana esatta dalle prove del 5 maggio, sia per una questione procedurale. La controparte è portatrice di interessi diffusi e generali, garantiti dalla nostra Costituzione, quale il diritto di sciopero, e conseguentemente deve essere garantita anche la libertà dell’esercizio dell’azione sindacale.

Ora, tutto ciò, per il cinque maggio viene meno. Viene meno perché si neutralizza buona parte dell’effetto dello sciopero, raggirandolo, posticipando le prove, che, ricordo, non sono servizi minimi essenziali da garantire, come riconosciuto, precedentemente, anche dal Tribunale di Roma.

Lo sciopero ha lo scopo di creare disservizi, di procurare anche danni economici, e tra le motivazioni adottate dall’Invalsi si legge che lo scopo del posticipo è dovuto anche perché “A questo si aggiunga il notevole danno economico conseguente la mancata utilizzazione dei somministratori esterni”.

L’Invalsi farebbe bene a preoccuparsi delle condizioni dei suoi lavoratori precari, piuttosto che adottare motivazioni che non hanno ragione di esistere. Perché pericolose, perché privano lo sciopero di uno dei suoi storici e consolidati obiettivi.

Il Presidente della Repubblica è il garante massimo della nostra Costituzione, delle regole del gioco ad esse correlate.

Ebbene, queste, in tale triste 27 aprile per la storia della Repubblica Italiana, sono state sistematicamente violate. Che il nostro Presidente possa intervenire per ripristinare uno stato di normalità, che possa intervenire per affermare la sacralità del diritto di sciopero, che possa intervenire per il rispetto di tutti i lavoratori e le lavoratrici della scuola, che hanno subito un tale durissimo attacco.

Ed ovviamente si auspica anche una dura e chiara presa di posizione da parte delle altre Organizzazioni Sindacali che hanno deciso di confluire nella data del 5 maggio, come già originariamente individuata dai Cobas.

Perché qui non è in discussione l’interesse particolare di un singolo sindacato, qui è in discussione un principio generale che interessa e riguarda tutti e che rischia di essere da inquietante precedente per il futuro.

Spero che questo appello, scritto a caldo, possa pervenire al Presidente Mattarella, confidando in una sua presa di posizione netta, chiara ed inequivocabile in tal senso.

Ma auspico anche la rimozione della Presidentessa dell’Invalsi dalle sue funzioni, per l’adozione del provvedimento come ora commentato.