Home I lettori ci scrivono Precari di terza fascia, ennesima illusione?

Precari di terza fascia, ennesima illusione?

CONDIVIDI

Nel question time con il ministro Bussetti alla camera, l’Onorevole Gallo dice: “chiedo un impegno aggiuntivo al ministro dell’economia e al governo tutto, per individuare le risorse necessarie e trasformare le supplenze in posti a tempo indeterminato nel più breve tempo possibile”.

Questa è un’apertura dell’Onorevole Gallo verso i precari storici della scuola che sono supplenti? quest’ultimi  vorrebbero che il proprio contratto venisse trasformato a tempo indeterminato!

Spero tanto che non sia un’altra illusione! Dai vari incontri di  questi mesi,  insieme ai miei colleghi, abbiamo constatato che qualche esponente politico (non tutti) non capisce o non vuol capire veramente il disagio che noi precari di terza fascia con anni di servizio viviamo.

ICOTEA_19_dentro articolo

Disagio del precariato,  dal punto di vista personale, ogni anno mi ritrovo sospeso sperando di ricevere una nomina!!

Non posso garantire alla mia famiglia un futuro sicuro!!

Ogni giorno mi imbatto con una realtà sociale difficile! E nonostante sia precario, occupo diversi ruoli all’interno dell’istituto

La mia domanda nasce spontanea… posso, possiamo, essere paragonati ad un neolaureato o neo diplomato senza nessuna esperienza?

Vorrei ricordare la più volte citata direttiva 36/2005: “è abilitato alla professione chiunque abbia un titolo valido allo svolgimento della stessa ed almeno 3 anni di esperienza lavorativa maturata”

Oppure la direttiva UE 1999/70/CE sulla stabilizzazione del personale pubblico con 36 mesi di servizio!

Perchè non mi ( ci) viene data la possibilità di poter essere stabilizzato tramite una fase transitoria, o concorso riservato? Nessuno vuole una sanatoria!! Come è stato detto dal qualche esponente del governo, noi chiediamo solamente rispetto come cittadini e formatori!!! Non siamo solamente numeri!!

 

Luciano Sigona