Home Attualità Presidi doc: l’impianto della Nasa per sanificare e rendere sicura la scuola

Presidi doc: l’impianto della Nasa per sanificare e rendere sicura la scuola

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Come si mette la scuola in sicurezza? Installando un impianto per depurare l’aria, brevettato direttamente dalla Nasa. Ma non solo, è simile a quello usato nelle sale operatorie degli ospedali e nei locali Covid. “Depurando l’aria, limita al minimo la possibilità di contagi: è un oggettino di circa 20-30 centimetri, approvato anche dall’Istituto superiore di sanità. In più, le aule sono dotate di sensori di livello della qualità dell’aria, che emana un segnale rosso o giallo quando l’anidride carbonica ha raggiunto alti livelli e quindi è necessario arieggiare”. 

È lo stesso preside a spiegarlo alla giornalista del Corriere delle Sera, mentre è stato pure trasmesso un servizio sui Tg della Rai: “All’ingresso di ogni locale abbiamo messo anche dei tappetini igienizzanti per le scarpe. Tutti sistemi per non far propagar il virus all’interno della scuola”.

E dall’evidenza empirica -spiega ancora il dirigente- studenti e insegnanti sottolineano che sentono l’aria più fresca e pulita”.

ICOTEA_19_dentro articolo

Il costo complessivo dell’operazione è di circa 100 mila euro, dichiara ancora il preside, “ In parte si tratta dei fondi ministeriali stanziati per il Covid, ma solo in minima parte, perché quelli sono serviti per altri impieghi, dal gel disinfettante ai dispositivi di protezione. In gran parte, circa 70 mila euro, si tratta di fondi destinati alle scuole belle, che avevamo ancora a disposizione. Onestamente mi sembrava inutile spendere tutti quei soldi per tinteggiare le aule, e sistemare qualche giardinetto. Meglio far diventare la scuola sana, no?”.

Anticipando la possibile ripresa del contagio, il preside ha pensato bene che il punto centrale era di diminuire “i contagi in una scuola potenzialmente ad alto rischio, con 1200 alunni e 160 operatori, e senza i banchi monoposto che non sono ancora arrivati”. 

In ogni caso, e  anche per sottolineare che gli impianti serviranno anche dopo l’agognata cessazione delle infezioni, “questi impianti proteggono da tutte le malattie trasmissibili, il nostro è stato un investimento strutturale, al di là della semplice emergenza, ma in una nazione dove ci si muove solo sull’onda dell’emergenza, io invece ho pensato di prevenire”.

E come si fa non complimentarsi con lui?

Preparazione concorso ordinario inglese