Home Archivio storico 1998-2013 Estero Prof violenti con gli alunni, stanati grazie alle nuove tecnologie

Prof violenti con gli alunni, stanati grazie alle nuove tecnologie

CONDIVIDI
webaccademia 2020
La scuola dovrebbe rappresentare un luogo di protezione e di crescita in tutte le parti del mondo. Non sempre, però, è così. Ogni tanto si scopre che chi sta dietro la cattedra attua dei metodi d’insegnamento vessatori, a volte anche violenti. Nell’ultimo anno scolastico in alcune occasioni delle situazioni di questo genere si sono verificate anche in Italia: gli insegnanti sono stati immediatamente denunciati alla procura della Repubblica e rimossi dal loro incarico. Ad “inchiodarli” non sono state però delle semplici testimonianze. La prova inconfutabile del loro riprovevole operato si deve alle nuove tecnologie: alle minuscolo videocamere, incorporate anche nei telefoni cellulari, che con un semplice clic hanno il potere di smascherarli. E se la ripresa non viene consegnata solo nelle mani dell’autorità giudiziaria, quasi sempre diventa di pubblico dominio: trova, infatti, posto tra i siti d’informazione ed cliccatissimi video di You Tube.
Così è andata nei giorni scorsi anche in Egitto, dove sui siti internet locali è apparso il video di un maestro che picchia degli alunni, tutti di età inferiore ai dieci anni, in una scuola del Paese africano, per la precisione a Kafr Shukr, nello stato di Gharbiya: il video, pubblicato anche dalla tv satellitare britannica Sky News, ritrae l’insegnante intento a dare i voti ai compiti dei piccoli studenti a suon di colpi di righello. I bambini cercano di evitarli. Ma almeno dieci di loro non riescono a divincolarsi ed urlano dal dolore.
Quel che appare ancora più incredibile è il fatto che nelle immagini El Shaar mentre colpisce i bambini ride e agli inquirenti avrebbe detto: “le aggressioni e la punizione corporale rappresentano gli strumenti migliori per la disciplina dei bambini, specie dopo la rivolta del 25 gennaio”. La polizia ha fatto sapere che l’uomo è stato arrestato e interrogato dai magistrati locali, mentre la scuola è stata chiusa su ordine del ministero della Solidarietà sociale.
CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese