Home Sicurezza ed edilizia scolastica Progetto di mappatura dell’amianto nelle scuole del Lazio

Progetto di mappatura dell’amianto nelle scuole del Lazio

CONDIVIDI

L’indagine sulla presenza di MCA nelle scuole del Lazio ha chiesto ai dirigenti di istituti e plessi di segnalare la presenza di materiali contenenti amianto, oppure di richiedere un sopralluogo di verifica (http://www.insic.it/Edilizia/Notizie/Amianto-nelle-scuole-del-Lazio-i-dati-della-monografia-INAIL/6f582514-f68d-40df-9133-b681bd5f80c1).

Cobas

L’indagine rientra in un progetto avviato da Inail nel 2012 e in collaborazione con il Centro Regionale Amianto (CRA) della Regione Lazio (AUSL Viterbo) e l’Istituto superiore di sanità.

Icotea

La mappatura è partita dal contattare i dirigenti di 1.990 istituti comprensivi, statali comunali e paritari, per un totale in termini di sedi o plessi appartenenti allo stesso istituto di 3.762 edifici. I riferimenti degli istituti sono stati reperiti nel novembre 2015 dagli elenchi dell’Ufficio Scolastico Regionale e dei Provveditorati provinciali. Dei 3.762 edifici raggiunti, hanno risposto con schede informative 1.451, un numero pari al 40% del totale. 1.382 le statali, 34 le comunali, 34 le paritarie.

Delle 1.451 risposte ricevute, il 4%, ovvero 52 edifici scolastici, ha auto-segnalato la presenza di MCA. Sono state segnalate generalmente presenze riferite a coperture e canne fumarie. 223 invece gli edifici che hanno richiesto sopralluogo. Dalle visite effettuate è emersa la presenza di Mca in 167 casi. La presenza di MCA è stata riscontrata in questo caso in forma di cassoni idrici in disuso presenti in locali non accessibili a