Home Archivio storico 1998-2013 Esami di Stato Promosso il plico, al Miur soffia aria di soddisfazione

Promosso il plico, al Miur soffia aria di soddisfazione

CONDIVIDI
  • GUERINI

Il plico digitale ha funzionato bene, quasi come un orologio, per cui positivi sono i giudizi soprattutto dagli ambienti ministeriali, dove forse qualcuno ha anche brindato visti i timori della vigilia, i minacciati attacchi hacker, gli appostamenti in rete per cogliere gli errori.
Al ministero si parla di un «grande successo», anche se non sono mancati i rallentamenti nel recupero della «seconda password» per accedere alle tracce della prima prova scritta dell’esame: in alcune scuole la password non è arrivata per tempo attraverso la webmail del Mir dovuta al fatto che il server, usato da tutto il territorio nazionale, non ha risposto in tempo reale e quindi in qualche suola si è inserita la seconda password.
Più «comoda e immediata» invece la diffusione del secondo codice alfanumerico (il primo, diverso per ciascuna commissione d’esame, era contenuto in una busta chiusa già recapitata alla scuola) attraverso la tv.
Qualche ritardo si è avuto in alcune scuole del Friuli Venezia Giulia, segnalato prontamente dall’Ufficio scolastico regionale, e che ha riguardato al ritardo nell’arrivo del codice per scaricare le tracce d’esame, cosicchè in alcune scuole l’esame è iniziato alle 9.00.
A Roma invece qualche inghippo si è registrato con le chiavetta per aprire le tracce, bloccando così le commissioni di un liceo dove però si è recuperato approfittando del corretto funzionamento di una sola. Immediate le fotocopie e le prove hanno fatto il loro regolare percorso.
Nervosismo anche in altre scuole dove, dalle prime segnalazioni, é arrivata in ritardo la password ministeriale tanto che i prof sono dovuti ricorrere alla tv, al Tg1, per poterla visionare.
C’è stato invece il temuto black out elettrico che ha fatto scattare la procedura di sicurezza per l’accesso alle tracce telematiche in due licei di Cittadelle in provincia di Padova.
Tramite due pc collegati a un gruppo di continuità, i due licei hanno potuto aprire l’E-mail dell’ufficio scolastico provinciale.
Assistiti dai carabinieri i dirigenti si sono quindi recati nell’istituto d’appoggio più vicino. Tornata nel frattempo l’elettricità le prove sono regolarmente andate avanti.